ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Diritto
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Diritto
Dalla serendipity allo squatting
IPRED 2, cambiano le regole
Blog da regolamentare?
UE: verso una tutela transnazionale
Privacy sul lavoro: le linee guida generali
L'Italia si muove
Quale regolamentazione per il Web italiano?
Per i professionisti il digitale è di rigore
Carte di credito, tra miti e realtà
La responsabilità nei siti
IVA o non IVA nell'home page?
Le regole del controllo
Nuove disposizioni sulla strada del digitale pubblico
Vietato spiare in azienda
Nasce il commissariato online
ADSL: mezza rivoluzione in arrivo
Direttiva UE: sicurezza o privacy?
Antiterrorismo e privacy: connubio difficile?
Troppa apprensione genera confusione
Un database per difendere le carte di credito
Decreto Legge RAEE: tutti contenti?
L'Europa detta legge
Il valore di una firma
Il domain name come marchio d'impresa
La sfida dei contenuti
Ancora troppi i software illegali
Un anno di privacy
Creative Commons, oltre il diritto d'autore
Le Pmi cambiano connotati
I nuovi istituti contrattuali
I nuovi contratti
Dai Co.Co.Co. al lavoro a progetto
Il ripensamento nell’e-commerce
Indirizzi pubblici sul Web?
Deregulation completa per i domini .it
L’obbligo di informare i clienti
L’e-mail diventa certificata
A chi il timone?
Promuoversi con le e-mail
Di chi è la colpa
Stop alle e-mail non autorizzate
Attenti a ciò che offrite
Le norme di riferimento per la pubblicità online
versione stampabile
Ottobre 2006 - Manovra Prodi: F24

Per i professionisti il digitale è di rigore


Versamenti telematici delle tasse, obblighi di transazioni bancarie per i pagamenti e ancora tante altre piccole questioni: la legge estiva del governo Prodi diventa operativa.


Il Decreto Legge 4.07.2006 n. 223, convertito nella Legge 4.08.2006 n. 248, porta diverse novità nei regimi contabili dei professionisti. L'oggetto su cui si è focalizzata l'attenzione del legislatore è quello delle modalità di pagamento: una piccola ma significativa rivoluzione che, aldilà delle polemiche di tipo politico, cambierà alcune radicate abitudini del popolo della partita IVA. La legge contempla diversi aspetti contabili e normativi, così come si intuisce dal titolo con cui il decreto era stato presentato: "Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonchè interventi in materia di entrate e di contrasto all'evasione fiscale". Proprio per la complessità della materia, il primo consiglio, se ancora non è stato fatto, è quello di rivolgersi per chiarimenti al proprio commercialista. Intanto, vediamo le novità più immediate ed eclatanti sul versante della digitalizzazione delle procedure.

Gli F24 solo telematici

Il termine era fissato per lo scorso primo ottobre, ma è stato differito al primo gennaio 2007. Dall'anno nuovo, quindi, i titolari di partita IVA sono obbligati a pagare in via telematica e a trasmettere con la stessa modalità all'Agenzia delle Entrate tutti i modelli F24 relativi al versamento dei tributi e contributi. Ne consegue che tutti i titolari di partita IVA, se non lo posseggono, sono obbligati all'apertura di un conto corrente, considerato che il pagamento deve necessariamente avvenire mediante addebito (telematico) bancario o postale. Le uniche eccezione al pagamento per via telematica riguardano due casi: il primo è relativo ai versamenti a saldo per il 2005 o in acconto per il 2006 da parte dei contribuenti che avevano iniziato a pagare ratealmente i tributi e i contributi previdenziali di Unico 2006 (per i redditi 2005) su modello F24 cartaceo. Il secondo, invece, riguarda chi si trova nell'impossibilità di aprire un conto corrente (soggetti falliti o protestati): in questo caso è ammesso il pagamento in forma cartacea, ma avendo prodotto all'Agenzia delle Entrate idonea documentazione riguardo l'impossibilità di aprire il conto corrente.

Attenzione ai conti

Il popolo della partita IVA, quindi, avrà un ulteriore motivo per preoccuparsi dei propri conti correnti. Infatti, salvo accordi diversi con la propria banca, la mancanza o l'insufficienza sul conto corrente dei fondi necessari per il pagamento del modello F24 comporta appunto il mancato pagamento. Questo si configura come un "mancato versamento", con il conseguente addebito al contribuente delle relative sanzioni e interessi. Nello stesso modo è considerato il mancato versamento dovuto a un errore materiale nella segnalazione dei dati del conto corrente bancario (per esempio, un numero sbagliato del conto corrente).

Le modalità di pagamento

I professionisti hanno a disposizione tre diverse possibilità per avviare le procedure di comunicazione telematica e relativo pagamento dei modelli F24. Si può semplicemente ricorrere a un intermediario telematico come uno studio di commercialisti, al quale si rilascia un apposita delega per le operazioni (con l'ovvia tutela di tutti gli altri dati bancari personali). In alternativa si può utilizzare il servizio di F24 online dell'home banking delle relative banche. Infine ancora si può provvedere in proprio al pagamento e alla spedizione attraverso il servizio telematico (Entratel o Fisconline ) utilizzato per la presentazione telematica delle dichiarazioni: in questo caso occorre essere utenti abilitati ed essere titolari di un conto corrente presso una delle banche convenzionate (tutti i principali istituti, come da elenco pubblicato online) con l'Agenzia delle Entrate.

Cambiano i pagamenti per l'attività

Parimenti ai pagamenti degli F24, nuovi obblighi sono previsti anche per le somme riscosse nell'esercizio dell'attività.
Le persone fisiche che esercitano arti e professioni e le società o associazioni tra artisti e professionisti sono obbligati a tenere uno o più conti correnti bancari o postali nei quali affluiscono, obbligatoriamente, tutti i proventi del lavoro e dai quali sono effettuati i prelevamenti per il pagamento delle spese.
I compensi in denaro, quindi, sono riscossi esclusivamente tramite assegni non trasferibili o bonifici ovvero altre modalità di pagamento bancario o postale, nonchè mediante sistemi di pagamento elettronico. Sono escluse soltanto le transazioni con importi unitari inferiori a 1.000 euro (limite che si abbasserà a 500 euro il prossimo primo luglio 2007, e quindi a soli 100 euro il primo luglio 2008). I conti correnti bancari o postali obbligatori per le transazioni di tipo professionale possono non essere esclusivi, ma possono essere utilizzati anche per operazioni di tipo privato o familiare non riguardante la propria attività lavorativa.
Scrivi a proposito di questo articolo