ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Diritto
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Diritto
Dalla serendipity allo squatting
IPRED 2, cambiano le regole
Blog da regolamentare?
UE: verso una tutela transnazionale
Privacy sul lavoro: le linee guida generali
L'Italia si muove
Quale regolamentazione per il Web italiano?
Per i professionisti il digitale è di rigore
Carte di credito, tra miti e realtà
La responsabilità nei siti
IVA o non IVA nell'home page?
Le regole del controllo
Nuove disposizioni sulla strada del digitale pubblico
Vietato spiare in azienda
Nasce il commissariato online
ADSL: mezza rivoluzione in arrivo
Direttiva UE: sicurezza o privacy?
Antiterrorismo e privacy: connubio difficile?
Troppa apprensione genera confusione
Un database per difendere le carte di credito
Decreto Legge RAEE: tutti contenti?
L'Europa detta legge
Il valore di una firma
Il domain name come marchio d'impresa
La sfida dei contenuti
Ancora troppi i software illegali
Un anno di privacy
Creative Commons, oltre il diritto d'autore
Le Pmi cambiano connotati
I nuovi istituti contrattuali
I nuovi contratti
Dai Co.Co.Co. al lavoro a progetto
Il ripensamento nell’e-commerce
Indirizzi pubblici sul Web?
Deregulation completa per i domini .it
L’obbligo di informare i clienti
L’e-mail diventa certificata
A chi il timone?
Promuoversi con le e-mail
Di chi è la colpa
Stop alle e-mail non autorizzate
Attenti a ciò che offrite
Le norme di riferimento per la pubblicità online
versione stampabile
Novembre 2004 - Lavoro (2)

I nuovi contratti


Dopo aver visto nello specifico come saranno sostituiti i Co.Co.Co. con i contratti a progetto, vediamo insieme le altre alternative atipiche introdotte dalla legge Biagi.


Via i Co.Co.Co. la trasformazione di quei vecchi contratti nelle nuove formule del progetto sembra il passaggio più semplice e immediato. Probabilmente, ci sarà un semplice travaso dagli uni agli altri, con buona pace delle intenzioni del legislatore. Ma se questa - pessimistica - visione non trovasse corrispondenza nella realtà, a quali altre formule si potranno rivolgere gli imprenditori? Naturalmente rimangono valide (anzi sono potenziate) altre formule - come il lavoro interinale, il lavoro a tempo parziale o il contratto d'apprendistato - che tuttavia non dovrebbero andare a sostituirsi ai contratti Co.Co.Co.

Il tempo indeterminato

Qualora il Co.Co.Co. sia stato utilizzato semplicemente per aggirare l'obbligo di assunzione, con la nuova normativa questo obbligo dovrebbe scattare. L'assunzione a tempo indeterminato presenta costi e vincoli decisamente maggiori, ma d'altro canto assicura - in un ambiente di lavoro sereno e stabile - una continuità di rapporto e una relazione fiduciaria che possono giovare al lavoratore e all'azienda. In teoria, le mansioni per cui non è possibile determinare un progetto determinato nel tempo e nelle finalità dovrebbero ricadere in questa casistica.

La prestazione d'opera

Molti osservatori ritengono che la fine dei Co.Co.Co. porterà verso l'apertura della partita Iva da parte dei collaboratori. I prestatori d'opera, infatti, sono obbligati a detenere una partita Iva individuale. Ovviamente, sarebbero i datori di lavoro a spingere per questa formula, nel tentativo di evitare costi aggiuntivi. In questo caso, però, l'attività lavorativa svolta deve essere del tutto autonoma rispetto al committente, senza alcun suo coordinamento e con utilizzo prevalente di materiali e mezzi propri. In sostanza, l'autonomia è totale. Aldilà dei dettagli di legge, per l'impresa un lavoratore di questo tipo rappresenta un beneficio in termini economici, ma non presenta alcuna garanzia né sicurezza in termini di ciclo produttivo e di qualità del prodotto/servizio. Il rapporto fiduciario è quasi del tutto inesistente, i vincoli non esistono per l'azienda - ma in pratica nemmeno per il lavoratore. Insomma, una formula che presenta più incognite che vantaggi certi.

I Co.Co.Co. occasionali

Se spariscono i Co.Co.Co. tradizionali, nascono i Co.Co.Co. occasionali o mini Co.Co.Co.: non dovranno avere una durata superiore ai trenta giorni nel corso di un anno e un compenso superiore ai cinquemila euro (con lo stesso committente) per anno solare. Se il compenso percepito è superiore ai cinquemila euro o supera i trenta giorni, il rapporto di lavoro non può più considerarsi occasionale e ricade nelle disposizioni previste per il lavoro a progetto. Queste collaborazioni sono caratterizzate da un costante coordinamento tra l'attività del lavoratore e il ciclo produttivo del committente, ma il lavoratore gode di autonomia organizzativa circa le modalità, il tempo e il luogo dell'adempimento. Per questi lavoratori è obbligatoria l'iscrizione all'Inps 2, con aliquote del 17,80% o del 18,80% in base alla fascia di reddito, di cui i 2/3 è a carico del datore di lavoro.

Autonomi occasionali

I lavoratori occasionali svolgono l'attività in modo autonomo, senza vincolo di orari e senza un'integrazione nel ciclo produttivo aziendale. È un supporto al raggiungimento di certi obiettivi aziendali limitati nel tempo. Questa tipologia di lavoro non prevede né il versamento di contributi previdenziali (a meno che il reddito annuo sia superiore a 5.000 euro), né un contratto scritto, né l'obbligo di applicare le regole sulla prevenzione degli infortuni o altre norme previste per gli altri lavoratori. Il lavoratore è pagato con una ritenuta d'acconto del 20% (che non esaurisce gli obblighi fiscali del lavoratore sul reddito complessivo annuo). Sopra i 5.000 euro annui, ricadono nelle stesse condizioni dei collaboratori coordinati e continuativi (aliquote del 17,80% o del 18,80% in base alla fascia di reddito, di cui i 2/3 �a carico del datore di lavoro).
Scrivi a proposito di questo articolo