ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Diritto
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Diritto
Dalla serendipity allo squatting
IPRED 2, cambiano le regole
Blog da regolamentare?
UE: verso una tutela transnazionale
Privacy sul lavoro: le linee guida generali
L'Italia si muove
Quale regolamentazione per il Web italiano?
Per i professionisti il digitale è di rigore
Carte di credito, tra miti e realtà
La responsabilità nei siti
IVA o non IVA nell'home page?
Le regole del controllo
Nuove disposizioni sulla strada del digitale pubblico
Vietato spiare in azienda
Nasce il commissariato online
ADSL: mezza rivoluzione in arrivo
Direttiva UE: sicurezza o privacy?
Antiterrorismo e privacy: connubio difficile?
Troppa apprensione genera confusione
Un database per difendere le carte di credito
Decreto Legge RAEE: tutti contenti?
L'Europa detta legge
Il valore di una firma
Il domain name come marchio d'impresa
La sfida dei contenuti
Ancora troppi i software illegali
Un anno di privacy
Creative Commons, oltre il diritto d'autore
Le Pmi cambiano connotati
I nuovi istituti contrattuali
I nuovi contratti
Dai Co.Co.Co. al lavoro a progetto
Il ripensamento nell’e-commerce
Indirizzi pubblici sul Web?
Deregulation completa per i domini .it
L’obbligo di informare i clienti
L’e-mail diventa certificata
A chi il timone?
Promuoversi con le e-mail
Di chi è la colpa
Stop alle e-mail non autorizzate
Attenti a ciò che offrite
Le norme di riferimento per la pubblicità online
versione stampabile
Dicembre 2006 - Regolamentazione Web

Quale regolamentazione per il Web italiano?


Gli ultimi casi di cronaca che hanno visto il Web protagonista suo malgrado riaprono il dibattito sulla regolamentazione della Rete.


La notizia è stata ampiamente raccontata e seguita da tutti i media italiani: alcuni studenti di una scuola hanno picchiato un proprio compagno down, riprendendo l'accaduto e quindi rendendolo disponibile al pubblico su Google Video. Nel giro di pochi giorni si è scatenata la caccia all'episodio di bullismo su Internet, in particolare su YouTube e su Google Video. Siamo stati letteralmente inondati, nei telegiornali, da filmati scaricati da Internet, e l'equazione passata alla gente è stata quella che la Rete incentiva gli episodi di bullismo. Da qui, a indagare due responsabili di Google, il passo è stato breve. Il problema della legalità online torna prepotentemente d'attualità.

I fatti

La denuncia a Google è l'elemento veramente dirompente dell'inchiesta in corso. Episodi di bullismo, gravi e meno gravi, sempre stupidi, ce ne sono sempre stati e ce ne saranno sempre, accompagnati dalla vanteria del caso degli stupidi di professione. Quindi, la onlus Vivi Down che si è occupata di quel fatto di bullismo, ha denunciato Google per diffamazione. I PM di Milano hanno iscritto due responsabili americani di Google nel registro degli indagati e fatto eseguire delle perquisizioni. A nulla è valso l'atteggiamento di Google, collaborativo con la giustizia e autocensurante appena è emersa la questione con la rimozione del video sotto accusa.

L'aspetto legale

Da quel momento, molti politici si sono affrettati a dichiarare che esiste un buco normativo e che presto vi porranno rimedio. Una verità discutibile, perché la questione può a buon diritto rientrare nella discussione sulla responsabilità oggettiva degli internet provider. Questione già affrontata e risolta in sede europea con la direttiva 31 del 2000, recepita in Italia dal decreto legislativo 70 del 2003. La questione è fissata: non esiste un obbligo generale di sorveglianza preventivo a carico dell'internet provider, che cioè non ha una responsabilità oggettiva sui contenuti immessi in Rete. Soltanto a fronte di un provvedimento esecutivo delle autorità è possibile rimuovere o rendere indisponibili servizi o contenuti.

La regolamentazione Web

Tuttavia, se da un punto di vista giudiziario quella norma dovrebbe essere sufficiente a chiarire la maggior parte degli aspetti della vicenda, rimane aperta invece una questione ben più importante e di ampia portata. Il Web, per come è nato, per come si configura e per il suo innato carattere di libertà d'accesso, è una sorta di territorio aperto. Vale la pena regolamentare questo territorio aperto oppure è meglio lasciare la massima libertà d'espressione agli utenti. Sulla questione, fortemente dibattuta da anni, si torna oggi con nuove preoccupazioni legali planetarie (terrorismo e cyberterrorismo), di comportamento e di decenza (il video sharing permette di postare immagini di ogni tipo, dalle violenze al bullismo alla pedopornografia), di informazione corretta e responsabile (quali garanzie danno sulle notizie le nuove forme del sapere collaborativo?)

Una soluzione difficile

La soluzione al problema resta molto complicata. Da una parte c'è la questione del mezzo, che è sopranazionale, e dall'altra le normative, che hanno base nazionale salvo accordi specifici (che però dovrebbero essere sottoscritti dalle singole nazioni). Dall'altra c'è già la possibilità di individuare la singola responsabilità, e il dibattito sul ruolo dei grandi carrier (semplici mezzi o responsabili dei contenuti?).

Una proposta tutta da studiare

Escludendo a priori l'appoggio a qualsiasi tentativo di censura, le strade percorribili non sono molte. Il problema non è tanto nelle leggi (che vanno rispettate, anche online), ma in tutti i casi di confine: a questo proposito ci sembra utile segnalare la proposta, rilanciata ultimamente dal giurista Stefano Rodotà dalle pagine di un quotidiano ma dibattuta da anni, di una "Carta dei diritti e dei doveri". Non un'imposizione, ma una sorta di codice deontologico riconosciuto da tutti, in primis dagli operatori del Web e magari anche dagli utenti. Ovviamente, è molto più semplice dirlo che realizzarlo, ma forse nell'ambito delle Nazioni Unite è tempo che qualcuno cominci a sollevarla come questione concreta.
Scrivi a proposito di questo articolo