e-business - Settembre 2006 - Community

Il valore della community


Nel business Web si cita spesso come fondamentale il valore immateriale della conoscenza e della capacità di relazione con i clienti/utenti. Perché vale una community?


Prima ancora che altri importanti indicatori economici, nella valutazione delle imprese business si guarda di solito all'efficacia dei processi su Internet e alla loro capacità di attrarre e consolidare gli utenti nel proprio circuito. Quest'ultimo valore è la capacità di creare e mantenere una community d'utenti.

La legge di Metcalfe

Per spiegare il valore intrinseco di una community si è soliti riferirsi alla cosiddetta legge di Metcalfe, dal nome dell'inventore della rete ethernet. Tale legge suggerisce che "il valore di una rete cresce in modo esponenziale rispetto al numero di computer connessi ad essa". La community genera valore perché genera conoscenza, e la conoscenza rappresenta l'unica fonte di vantaggio competitivo sostenibile per le imprese. Due computer (cioè due utenti) collegati in rete generano più conoscenza di un solo computer, tre più di due, cento più di dieci e via di seguito. Una rete di computer, cioè una rete di utenti, sul Web è nient'altro che una community.

Le community dieci anni fa e ora: modelli diversi

All'inizio dell'epoca Internet, una community era una realtà ben consolidata e dai contorni netti, fondata attorno a un forum e a un gruppo di discussione normalmente diviso per argomento. Oggi tale concezione di community è molto ristretta, perché gli utenti sono mobili nel Web: reti sociali, gruppi di acquirenti, community virtuali, semplici utenti (in masse critiche) possono rientrare nel concetto di community. In pratica, ogni gruppo organizzato nel Web attorno a un certo punto d'interesse rappresenta una community. Ma mentre le community classiche generano valore di per sé perché lo scopo del riunirsi virtualmente è quello di parlare di un certo argomento (creando quindi conoscenza), le community moderne hanno in sé del valore (perché portano dati di conoscenza) ma non sempre lo esplicitano. È il caso per esempio degli utenti di Google, spesso considerati come la maggior community Web mondiale: una community a modo suo, che non parla attorno a un argomento (anche se lo fanno i Google Groups, a dire il vero), ma che porta uno straordinario carico di conoscenza rispetto alle abitudini di navigazioni e agli interessi del pubblico.

Il valore commerciale

Quando una community diventa importante per un'azienda? Di fatto, una community è sempre importante perché reca in sé una serie di dati e di conoscenze sugli utenti del Web, ma è evidente che il valore cresce quanto più gli utenti parlano dell'azienda stessa. La community di Google già citata è interessante perché offre dei macro-scenari e delle tendenze in corso sulla Rete a livello locale o mondiale. Per una certa azienda, però, sarà ancora più importante una community che parla di argomenti vicini o correlati al proprio business. E ancora di più, una community interna, che parla dei propri prodotti e servizi. Se poi la community è di tipo business, cioè raccoglie operatori del settore, probabilmente il suo valore è ancora più alto.

Presidiare le community

Nelle community si discute, nascono suggerimenti gratuiti, si può testare l'approvazione degli utenti per un certo prodotto, si possono raccogliere critiche, indirizzi e tendenze generali. Il primo lavoro che un'azienda dovrebbe fare è quello di monitorare in maniera fissa e a scadenze predeterminate tutte quelle community che possono avere a che fare con il proprio business. In questo modo si comincia a presidiare un'area che genera conoscenza nel proprio ambito di lavoro.
© 2006 - Shiny srl - Tutti i diritti riservati
Questa pagina è esclusiva proprietà di Shiny srl. È vietata la copia e la distribuzione, anche parziale,
su qualsiasi supporto senza previa autorizzazione.
http://www.shinynews.it