ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Gennaio 2004 - Finanziamenti

Un’ondata di banda larga


Ammontano a 300 milioni di euro gli investimenti che il Cipe ha programmato per svilluppare la banda larga e la domanda di broadband nel Sud Italia. Un’occasione da non perdere per le Pmi meridionali.


Il Comitato interministeriale per la programmazione economica ha varato un articolato progetto di rilancio digitale del Sud Italia, da sempre tallone d’achille per il decollo dell’hi tech italiano. Il piano punta sulla banda larga come occasione di crescita e sviluppo, destinando 300 milioni di euro per portare questa tecnologia nel Meridione. In particolare, metà della cifra riguarderà la realizzazione tecnica dell’infrastruttura fisica e l’altra metà a creare le condizioni di domanda d’utilizzo di servizi in broadband.
La gestione dei 300 milioni spetterà alla neonata Innovazione Italia Spa, la costola di Sviluppo Italia che nei piani del governo dovrà occuparsi dello sviluppo tecnologico delle aree meno avanzate del Paese.
Per quanto riguarda i servizi, i fondi dovrebbero essere ripartiti sicuramente tra programmi di telemedicina e teleformazione in ambito medico (22,7 milioni), aiuti alle aziende del settore alimentare (19,4 milioni) soprattutto per piani d’innovazione d’impresa e alfabetizzazione informatica con particolare attenzione alle scuole (25,9 milioni).
Inoltre dovrebbero essere garantiti 26 milioni di euro per lo sviluppo della banda larga nel settore pubblico e altrettanti per i Sistemi integrati di gestione del territorio. 30 milioni saranno destinati ai Sistemi avanzati per la connettività sociale, vale a dire la possibilit´┐Żper quelle fasce sociali deboli di interagire in via elettronica con i servizi della pubblica amministrazione, della sanità pubblica, ma anche dei professionisti presenti sul territorio.
Per le piccole e medie imprese del meridione si tratta di un’occasione importante di crescita e sviluppo. Infatti, più che negli stanziamenti promessi per la creazione dell’infrastruttura fisica, la novità risiede nel tentativo di sviluppare una domanda sul territorio in modo da creare una maggior cultura digitale e in tal modo poter sfruttare risorse locali, investimenti anche regionali e le richieste da parte dei cittadini.
L’unico neo dell’iniziativa riguarda la copertura finanziaria, che non è stata ancora annunciata. I tempi per il via al progetto, pertanto, rimangono in sospeso.
Scrivi a proposito di questo articolo