ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Marzo 2007 - Rapporto Assinform

L'It non cresce abbastanza


Il peso dell'information technology in Italia aumenta, ma gli standard internazionali rimangono lontani. Le anticipazioni sul tradizionale rapporto Assinform descrivono una situazione che non subisce grandi scossoni.


Come ogni anno di questi tempi arrivano le anticipazioni del rapporto Assinform sullo stato di salute dell'Ict italiano: l'anteprima dei dati, relativi al 2006, mostra una crescita più sostenuta rispetto agli anni scorsi, ma ancora significativamente in ritardo nel confronto con il trend di crescita europeo e mondiale. Preoccupa soprattutto la distanza nella capacità di produrre nuove tecnologie, un pericoloso segnale di arretratezza che non è in linea con le potenzialità dell'Italia, al punto da far invocare ai vertici Assinform un progetto strategico nazionale per l'informatica basato su pochi punti essenziali: sviluppo e incremento dell'offerta di nuove tecnologie per l'innovazione industriale, efficienza delle attività dei servizi, crescita delle Pmi e modernizzazione della Pubblica Amministrazione.

Gli aspetti positivi

I dati di Assinform non sono del tutto negativi: l'It italiano ha ripreso a correre e accelera anche il ritmo, mettendo a segno un discreto +1,6% nel 2006 (rispetto a +0,9% nel 2005 e -0,4% nel 2004). Nel complesso, il mercato italiano dell'informatica sfiora la quota di 20 milioni di euro, con un contributo da parte delle famiglie molto importante e in crescita. La novità positiva rispetto al passato è che si sono mosse anche le imprese: grandi (+1,3%), medie (+1,8%) e piccole (+0,3%) fanno registrare un incremento degli investimenti in innovazione tecnologica rispetto al passato, in cui la situazione era ferma o in regressione (tranne per le medie che confermano il dato 2005). Analizzando la domanda per settori produttivi, emerge il ruolo trainante delle imprese del comparto media e telecomunicazioni, della distribuzione e dei servizi, che si collocano alle spalle delle banche e dell'industria, mentre la PA centrale latita, risultando il comparto con la dinamica più negativa.

L'offerta

Riguardo all'offerta, il trend più positivo risulta ancora quello dell'hardware (sistemi, stampanti e periferiche) con vendite in crescita del 3,7%. Buona la performance dei Pc (quasi cinque milioni di unità vendute), cresciuta in volumi del 15,2% e in valore del 7,2%. I portatili sono stati più venduti, seppur di poco, dei Pc fissi. In prudente crescita è la componente più importante per l'innovazione e l'attività delle imprese nazionali, quella del software e dei servizi: l'incremento dell'1,1% è comunque migliore dello 0,4 del 2005. Bene i middleware (+5,5%) e soprattutto le soluzioni di sicurezza (+10.9%). Invece, perdono (-3,7%) i servizi di assistenza tecnica che ormai seguono un loro declino fisiologico, senza influire peraltro sulle performance del settore.

Le telecomunicazioni

L'altro grande comparto, quello delle telecomunicazioni, ha prodotto in Italia, nel corso del 2006, un giro d'affari in leggero rallentamento (+2,1%, era stato del 3% nel 2005) che stona soprattutto con il buon tono generale europeo (+3,7%). Il mobile si mantiene vivace complessivamente (infrastrutture, apparati, terminali e servizi) crescendo del 4,5% (+3,6% nel 2005). Ferma la componente fissa. Le linee mobili sono ancora cresciute, 81,9 milioni (+13,4%), così come il numero degli utenti (+1,1%) che ormai hanno raggiunto la sorprendente soglia dei 44,9 milioni. Sale di conseguenza anche il traffico unitario (del 5,1%): i servizi a valore aggiunto occupano quasi un quarto nella performance complessiva (+5.1%). Le telecomunicazioni fisse fanno registrare un calo consistente per le voci più obsolete, traffico voce (-4,6%) e trasmissione dati (-3,6%), mentre sono in crescita quelle legate ai servizi a valore aggiunto (+6,4%) e alle connessioni Internet (+7,5%). Queste ultime, in particolare, segnano un importante incremento del numero di accessi ad alta velocità (8,2 milioni d'accessi in modalità xDSL, con un +26,5%, e 324 mila su fibra ottica, +8%).

Il confronto internazionale

Ancora una volta, la pura lettura dei dati lascerebbe intendere segnali positivi e di rilancio per l'Ict nostrano. Se però guardiamo da un'altra prospettiva gli stessi dati, il confronto a livello internazionale lascia poco ottimismo. L'attuale fase di espansione economica è supportata da investimenti sempre più cospicui nell'It, utilizzati per rafforzare e migliorare la competitività dei sistemi industriali, realizzare servizi innovativi, modernizzare gli apparati pubblici. Basta un banale confronto di anno in anno. Nel 2005, il Pil mondiale è cresciuto del 4,9%, mentre l'It ha fatto registrare un +5,4% globale. Nel 2006, il Pil mondiale è cresciuto del 5,1%, e l'It del 6,1% annuo, (gli Stati Uniti +5,7%, l'Europa +3,9% con la punta della Spagna +6,8%). In Italia, se nel 2005 il settore è cresciuto solo dello 0,9% superando però il Pil fermo a 0,1%; nel 2006, invece, il Pil si è ripreso fino all'1,9%, ma il settore è rimasto sotto, a una crescita dell'1,6%. In Italia il comparto fa ancora fatica a decollare, e non svolge un ruolo propulsivo per l'economia nazionale.
Scrivi a proposito di questo articolo