ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Aprile 2007 - E-shopping

Non perdere per strada il cliente


I tempi d'uscita dai negozi di e-commerce sono un requisito essenziale per vendere online. I dati di una ricerca americana lo confermano.


Una ricerca, svolta nel febbraio scorso dalle società di consulenza National In-Store e MARC Research, fotografa il grado di soddisfazione dei clienti dopo un acquisto effettuato sul Web in relazione al tempo di uscita dal negozio virtuale: il check-out, cioè quel periodo che trascorre dal momento in cui il cliente ha finito di mettere i prodotti nel proprio carrello virtuale al completamento della transazione, risulta essere un requisito fondamentale perché l'acquisto su Internet vada a buon fine. La ricerca ha coinvolto un campione di circa 17.000 acquirenti e 3.500 negozi virtuali che vendono vari tipi di prodotti: da questa si ricava un grafico del livello di soddisfazione in funzione del tempo di attesa necessario per completare gli acquisti.

Online e offline: affinità e differenze

Questo fattore è altamente critico online, come la stessa esperienza insegna del resto anche offline. Ma mentre offline nessuno si sogna di lasciare il carrello e andarsene senza spesa, e quindi il tempo d'uscita influisce prevalentemente sulla fidelizzazione del cliente, sul Web la risposta più probabile a tempi di attesa troppo elevati sarà addirittura l'abbandono del sito. Per l'azienda si prospetta quindi la perdita del cliente, proprio nel momento in cui da potenziale si trasforma in attuale. Al contrario, tempi di attesa ridotti inducono l'e-shopper a ritornare, aumentando la fidelizzazione.

Il tempo d'attesa

Nella ricerca, il tempo rilevato parte da un minimo di un minuto per arrivare fino ad un massimo di sei minuti, che è considerato il limite estremo oltre il quale il livello di frustrazione e di insoddisfazione del cliente provoca l'abbandono dell'acquisto.
Il comportamento dei compratori online varia, però, a seconda del prodotto che si sta acquistando: i negozi virtuali di prodotti alimentari, ad esempio, subiscono maggiormente l'influenza del fattore "tempo d'attesa". Nell'11% dei casi osservati in questo tipo di e-shop, il carrello viene abbandonato; generalmente, invece, la percentuale media di abbandono per questo motivo si attesta al 9%, con un ribasso (intorno al 7%) nel caso di negozi di prodotti elettronici.

La fidelizzazione

Questi dati hanno una forte incidenza soprattutto rispetto alla fiducia dei clienti e all'acquisizione di nuovi: il fattore tempo influisce maggiormente (91%) nel caso di negozi on-line di prodotti alimentari dove la fidelizzazione è molto elevata, mentre influisce meno (49%) nei negozi di prodotti elettronici, dove invece è elevata la concorrenza e il cliente vuole scovare l'affare. I sei minuti sono appunto da considerarsi il limite estremo, e se stare entro questo limite non sancisce l'abbandono, influenza la possibilità di fidelizzare il cliente.


Oltre la ricerca

Anche se la ricerca non si addentra in questi dettagli, è lecito supporre che i clienti si aspettano un trattamento diverso. L'ideale è cercare di ridurre il numero di passaggi da compiere una volta riempito il carrello. Per esempio, i dati devono essere richiesti una sola volta, e poi richiamati in automatico attraverso un login, senza richiederli ogni volta, compreso il numero di carta di credito. Se possibile, dovrebbero comunque essere richiesti prima dell'acquisto, per esempio prima dell'apertura del carrello, specificando che non sono vincolanti all'atto di compera. Una verifica sui dati sarà indispensabile in ogni caso, soprattutto sul numero di carta di credito e il luogo di recapito dell'acquisto. Se possibile, anche questa verifica andrebbe effettuata prima della fase d'uscita. Quindi, saranno necessarie le conferme sia da parte dell'utente sia le successive da parte del sistema che la transazione sia andata a buon fine.

Problemi al chek-out?

Da due a quattro passaggi, sono quelli essenziali, dunque: se per ciascuno si pensa a un tempo medio di fermata da parte dell'utente di un minuto, che è di norma lo standard su una pagina Web, appare chiaro che il tempo ideale d'uscita potrà essere compreso tra i due e i quattro minuti, sempre con una preferenza per il margine inferiore. E infatti, la ricerca americana conferma che tempi di attesa in uscita inferiori ai tre minuti rendono i clienti da molto soddisfatti ad abbastanza soddisfatti(nel 90% dei casi). Nello spazio temporale tra i quattro e i cinque minuti la percentuale di acquirenti soddisfatti scende all'80%; oltre i 5 minuti di check-out c'è un crollo verticale.

Tempi e percorsi: capire l'utente

Ancora più significativo è rapportare l'esperienza d'uscita sui numeri del proprio sito, e non lasciare il ragionamento soltanto teorico. Un banale confronto tra i tempi di permanenza media sulle proprie pagine e quelli, provati empiricamente, sulle pagine d'uscita del sito dovrebbe confermare o smentire la bontà del sistema messo in piedi: le oscillazioni tollerabili non sono molto ampie e bisogna lavorare perché l'uscita dal sito non sia molto più lenta dalla visita sulle altre pagine Web. Si vedano anche le pagine in uscita ed eventualmente i percorsi dalle proprie statistiche per capire se effettivamente esiste un problema d'uscita dalle procedure d'acquisto. Il ripensamento nella fase finale d'acquisto non è una prassi normale, e ogni percentuale d'uscita superiore al 5% da quelle pagine deve indurre a riflettere e a cercare le cause più profonde. Non necessariamente il problema risiederà nei tempi d'uscita: per esempio una procedura molto aperta e libera di inserimento di prodotti nel carrello può essere interpretata come scarsamente vincolante all'acquisto e indurre gli utenti a "provare" il servizio. Tuttavia, ogni anomalia deve essere investigata per ottimizzare il sito e capire il comportamento dei propri utenti.

I correttivi

Come messo in luce dai dati della ricerca, il fattore tempo agisce sul grado di soddisfazione del cliente e condiziona la volontà di ritornare ad acquistare in un determinato e-shop: questo dovrebbe far riflettere affinché sia migliorata la progettazione del sito rispetto all'efficacia, alla connettività, alla velocità e soprattutto all'usabilità dello stesso (cosa premere, dove premere, quanti dati inserire, quanti passaggi eseguire...).
Scrivi a proposito di questo articolo