ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Giugno 2004 - E-commerce indotto

Arriva l’infocommerce


Con un’interessante iniziativa, l’Anee ha avviato il primo osservatorio sull’infocommerce. In questo modo si registrano le prime tendenze di un fenomeno noto e già in atto da tempo: l’acquisizione di informazioni online prima di procedere a un acquisto.


Quanti di noi non l’hanno fatto? Prima di acquistare un bene o servizio, la stragrande maggioranza dei navigatori cerca online informazioni, prezzi, caratteristiche, pregi e difetti. Indipendentemente dalla modalità in cui l’acquisto sarà fatto, online od offline. Questo procedimento di raccolta informazioni preliminari è stato studiato da Anee/Assinform con la ricerca pubblicata con il titolo Osservatorio Infocommerce Anee/Assinform 2004. Lo studio si è basato su una fase di monitoraggio di 245 utenti tramite il sito MyShoppingplan, appositamente creato e in funzione anche in futuro per registrare le tendenze e creare possibilità di aste inverse, e su una fase di intervista telefonica a un campione di 2435 navigatori rappresentativi della popolazione italiana online.

I risultati dell’indagine: gli acquisti

Sulla base della ricerca, il numero di internauti italiani stimati al primo trimestre 2004 raggiunge i 16,5 milioni di unità. Di questi 15,9 milioni (il 96,2%) compie attività di shopping (online e offline) mentre 0,6 milioni (il 3,8%) non è stato attivo nelle compere nei primi tre mesi dell’anno. Tra gli shopper si può distinguere la quota di chi ha fatto acquisti online, il 13,4% del totale, da quella di chi ha eseguito i tradizionali acquisti offline, l’82,8% del totale. Dei 15,9 milioni di shopper complessivi, 10,4 milioni hanno svolta attività di infocommerce, mentre 5,5 milioni non lo hanno fatto. Se nel primo trimestre 2004 la spesa di questi shopper, online e offline, è stimabile in 2,46 miliardi di euro, quella generata da Internet è pari a 1,6 miliardi di euro, circa il 65,1%. Se si guarda al solo e-commerce, cioè agli acquisti effettuati online, il valore prodotto dai navigatori italiani è stato di 332,6 milioni di euro di cui 290,3 (l'87,3%) influenzato dall’attività di infocommerce. Il valore del commercio offline attribuibile ai navigatori è invece di 2,13 miliardi di cui 1,31 (il 61,5%) generato da infocommerce.

Gli acquisti degli internauti italiani
 

L’infocommerce indiretto

Oltre a questi dati sui navigatori online, la ricerca stima un ulteriore fenomeno: il 15,5% dei navigatori, 2,47 milioni, fa da punto di riferimento delle ricerche Internet per persone (soprattutto parenti, nell’83,3% dei casi) che non hanno accesso al Web. Mediamente, ciascuno di questi “Web assistenti” aiuta 2,2 persone. Ciò significa che 5,44 milioni di italiani, pur non accedendo direttamente a Internet, si avvale della consulenza di parenti o amici per rintracciare informazioni utili all’acquisto o per acquistare direttamente online. Per il primo trimestre 2004, si possono stimare per questo gruppo di persone circa 13 milioni di atti d’acquisto (una media di 2,4 acquisti), in buona parte correlati ad attività di infocommerce indiretto.

La soddisfazione dei clienti

Il motivo di tanto successo del Web come strumento di raccolta delle informazioni d’acquisto sta nella grande soddisfazione degli utenti: il 69,3% del campione si è dichiarato soddisfatto, il 12,4% molto soddisfatto, il 17,5 abbastanza soddisfatto. Le percentuali degli scontenti sono irrisorie: poco soddisfatto è stato lo 0,7%, per niente lo 0,1%. La soddisfazione dell’uso di Internet come strumento d’informazione deriva (su risposta multipla) dalla possibilit´┐Żdi risparmiare (83,7%), perché si trova subito quello che si cerca (70%), perché si può scegliere in un vasto assortimento (63,3%).

La soddisfazione degli utenti

Scrivi a proposito di questo articolo