ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Agosto 2006 - Relazione del garante

Cambiamenti nelle TLC?


Nell'annuale relazione, l'Autorità Garante delle Comunicazioni ha presentato il quadro delle TLC italiane, lasciando intravedere all'orizzonte cambiamenti di rilievo.


Anche nel 2005, l'industria italiana dei servizi di telecomunicazioni ha svolto un ruolo di traino dell'intera economia nazionale. Questo almeno è quanto emerge dall'annuale relazione dell'Autorità Garante delle Comunicazioni, presentata dal suo presidente Corrado Calabrò lo scorso mese. La crescita di valore è stata del 4,3% rispetto all'anno precedente, per un fatturato complessivo di oltre 36 miliardi di euro. Buone performances, come sempre, per la telefonia mobile, primo mercato per fatturato, ma bene anche i servizi Internet, con un incremento di quasi il 20%. Viene giudicata positivamente l'evoluzione al ribasso dei prezzi dei servizi di telefonia, stimando in un 15% il calo dei costi al pubblico dal 1998 al 2005.

Luci e ombre

Quando si tratta di servizi a innovativo contenuto tecnologico, l'Italia, secondo l'AGCOM, occupa una posizione di riguardo in Europa: al primo posto per diffusione dei servizi Umts, primi nel lancio commerciale della televisione mobile con tecnologia DVB-H, nelle prime posizioni per l'IpTv, quarto Paese europeo per la diffusione della banda larga, con 7 milioni di linee. È stata però sottolineata una grave lacuna che il nostro Paese stenta a colmare: manca infatti un grande disegno di politica industriale che riesca a sfruttare al meglio tanta capacità innovativa. Ci vogliono misure che spingano ancora lo sviluppo della banda larga, la cui presenza in Italia è aumentata del 187% in due anni (il tasso più alto nell'Europa dei 15): l'ADSL raggiunge attualmente l'80% della popolazione ma con gravi squilibri territoriali, che dovranno essere colmati. Occorrerà anche migliorare la qualità delle connessioni a Internet, grazie all'arrivo imminente di una carta dei servizi che gli operatori metteranno a disposizione degli utenti. I prezzi di accesso alla banda larga sono scesi mediamente in sei mesi del 50%, ma possono diminuire ancora, secondo le previsioni di AGCOM. In questa prospettiva viene giudicato inaccettabile il ritardo nella diffusione della tecnologia WiMax, ritardo dovuto essenzialmente al continuo differimento nella messa a disposizione della relativa banda di frequenza da parte dell'attuale detentore, il Ministero della Difesa. Per risolvere la questione, si dovrà attendere l'intervento del Governo.

Telefonia a favore degli utenti

Per quanto riguarda il mercato della telefonia, l'Autorità ha evidenziato come i suoi interventi, sia diretti sia indiretti, siano andati a beneficio della libera concorrenza. Grazie anche a questa opera, i costi per i consumatori e le aziende sono diminuiti: nel periodo dal 1998 al 2005, i prezzi finali dei servizi di telefonia sono scesi del 15%, a fronte di un aumento medio dell'indice generale dei prezzi al consumo del 17%. Non solo. Tra il 2005 e il 2008 grazie all'introduzione di un sistema triennale di controllo dei prezzi presieduto dall'Agcom stessa, gli utenti italiani risparmieranno due miliardi di euro, con i prezzi delle telefonate e dei servizi sia fissi sia mobili previsti in ulteriore diminuzione. Resta però ancora molto da fare in termini di libera concorrenza: una maggiore collaborazione tra Agcom e Antitrust per il controllo e la trasparenza del mercato è auspicata da tutti e sembra essere sul punto di partenza. La prima iniziativa riguarderà l'esame dei costi di ricarica delle carte prepagate per i cellulari per cui vi è stato una forte richiesta di diminuzione da parte dei cittadini italiani e delle associazioni dei consumatori. Un'altra importante iniziativa sarà l'apertura verso gli operatori virtuali nel mercato delle telefonia mobile, una tipologia d'operatore che in Italia non esiste ancora dopo il fallimento di alcune iniziative, negli anni passati, prima ancora che nascessero. Si tratta di aziende che, come già avviene nel caso della telefonia fissa, comprano traffico telefonico all'ingrosso per poi rivenderlo sul mercato. L'entrata degli operatori virtuali potrebbe dunque, far scendere ulteriormente i prezzi della telefonia mobile.

Il nodo Telecom Italia

L'Autorità si è anche rivolta apertamente a Telecom Italia nella propria relazione. L'AGCOM, infatti, la considera in una posizione dominante sul mercato, vicina al monopolio, anche se in alcuni ambiti di strada ne è stata già fatta verso la liberalizzazione. Segnali di questo tipo sono stati il chiaro invito alla separazione tra i servizi regolati (la rete) e non regolati (i servizi commerciali), agendo sulla funzione di governance e di controllo indipendente. Tale separazione non inciderebbe sull'assetto societario di Telecom, ma a livello amministrativo e potrebbe produrre una maggiore trasparenza che gioverebbe senza dubbio ai rapporti con gli altri operatori concorrenti. Questo percorso, secondo AGCOM, sarebbe più efficace se condiviso dal soggetto stesso coinvolto, chiamato quindi a una maggiore disponibilità in tal senso. Questi appelli sembrano essere soltanto la coda dei tanti appelli già rivolti in passato all'operatore per una maggior trasparenza. Anche nel segmento di Internet, Telecom Italia non è stata lontana in passato da numerose critiche per i rapporti con gli altri operatori e per la gestione degli utenti finali. Il fatto che l'Autorità richiami l'ex monopolista anche in una sede ufficiale come la relazione annuale lascia intendere che, quanto meno, la compagnia è sotto stretta osservazione.

Digitale terrestre: e i contenuti?

Infine, il digitale terrestre: l'incremento degli utenti grazie al contributo statale per i decoder e ai contenuti di tipo premium si è esaurito in mancanza di un'offerta apprezzabile di nuovi programmi in chiaro. Oggi, sottolinea AGCOM, resta marginale la presenza sui canali digitali di fornitori di contenuti indipendenti in grado di attirare l'audience, con il rischio di vedere riproposto anche sul digitale terrestre una posizione dominante congiunta di Rai e Mediaset, così come si rileva nel mercato delle reti analogiche. L'Autorità farà il suo compito, tra l'altro imponendo l'obbligo di cessione del 40% della capacità trasmissiva a fornitori di contenuti indipendenti, ma rileva anche che è in Parlamento che va riconsiderato l'assetto concorrenziale del settore nel processo di transizione dall'analogico al digitale, in modo da renderlo compatibile con gli obiettivi e i vincoli comunitari.
Scrivi a proposito di questo articolo