ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Agosto 2007 - Blog

Come è fatto il popolo dei blog?


A dare una risposta esaustiva, almeno per l'Italia, ci ha pensato una grande ricerca condotta sul campo da parte di Diario Aperto. Risultati noti, e qualche sorpresa, per una fotografia utile a comprendere il fenomeno in tutte le sue facce.


È stata condotta nei mesi scorsi sotto la sigla di Diario Aperto da diversi promotori e co-promotori con vari interessi diretti o indiretti per il Web (da Splinder a Swg, da Punto Informatico all'Università di Trieste, solo per fermarsi ai più attivi): di sicuro è la più ampia e diretta ricerca italiana sul mondo dei blog, svolta tramite un questionario di quasi 100 domande a cui hanno risposto validamente 4117 soggetti della Rete italiana.

Uomini adulti, giovani donne

Dal punto di vista anagrafico, c'è subito qualche sorpresa rispetto alla visione romantica dei blog: non ci sono giovani smanettoni dietro le pagine personali online, ma piuttosto uomini adulti. La maggior parte dei blogger italiani, infatti, ben il 41 per cento del totale, è in una fase di piena maturità: risulta infatti compresa nella fascia d'età tra i 25 e i 34 anni. Di questi, la maggioranza è costituita da uomini, per il 60,8 per cento. Le fasce d'età più basse, però, sono di netto predominio femminile: tra gli under 18, rappresentano addirittura il 78,9 per cento, a dimostrazione di una precocità espressiva che manca ai maschi. Fra i 18 e i 24 anni, invece, il rapporto si riequilibra, con un 51 a 49 per cento a favore delle sesso femminile.

Alta istruzione e lavoratori

Tra i rispondenti al questionario, il livello scolastico raggiunto è molto alto: l'88 per cento degli intervistati possiede una preparazione e una cultura almeno secondaria. Il 44 per cento del campione ha una laurea o un titolo post universitario. La maggior parte dei blogger lavora (il 52,5 per cento) mentre solo il 31,1 per cento è costituito da studenti.

La tecnologia e il Web

Il 42 per cento dei rispondenti ha affermato di aver cominciato a navigare fra il 1998 e il 2001, e il 36 per cento fra il 1992 e il 1997. Di questi ultimi, il 71,8 per cento è rappresentato da uomini. Il rapporto con la tecnologia e l'uso di Internet è molto buono, come facilmente prevedibile: l'89,5 per cento delle risposte indica più collegamenti alla Rete al giorno. Anche gli strumenti Web sono ben diffusi: il 56,8 per cento utilizza servizi di istant messaging quotidianamente, il 36,5 per cento anche con Webcam, e il 24,6 per cento usa Skype con la stessa frequenza. L'interesse maggiore, però, sembra rivolto agli strumenti di comunicazione, piuttosto che ai modelli collaborativi del Web 2.0: il 60,5 per cento dei blogger, per esempio, non ha mai scritto per un wiki e il 44,6 per cento non usa mai i feed RSS. Ovviamente è alto l'interesse per i blog stessi: il 58,7 per cento legge blog più volte al giorno, il 22,1 per cento almeno una volta al giorno.

I 5 TIPI DI BLOG PIÙ LETTI

Gli acquisti online

Un quarto circa degli intervistati, il 26,1 per cento, ha effettuato uno o più acquisti online almeno una volta negli ultimi tre mesi. Ad averlo fatto sono in prevalenza gli uomini, ma soprattutto sono i blogger compresi nella fascia d'età tra i 25 e i 34 anni, anche per una normale logica d'accesso alle possibilità finanziarie e strumentali (carta di credito) per gli acquisti online. Il 59% di chi acquista online compra prodotti culturali come libri, cd o dvd, e il 20% scarica musica, film o stampa specializzata a pagamento. Un buon 44%, però, si concentra sui prodotti tecnologici, mentre uno su due circa (il 49%) acquista nel turismo, dai biglietti aerei, ai viaggi, alle prenotazioni di pacchetti completi (che riguardano oltre il 55% dei blogger dai 25 ai 44 anni). Non manca chi compra abbigliamento e accessori (19%), mobili ed elettrodomestici (7,7%) e cosmetici (5,7%).
Distinguendo per genere, le donne concentrano la loro spesa sui viaggi, mentre gli uomini rappresentano la fetta maggiore degli acquisti di prodotti tecnologici.


Info-commerce e aziende blogger

I blog influenzano anche in qualche modo, direttamente o indirettamente, gli acquisti. Il 20 per cento dei rispondenti considera i blog autorevoli nei propri campi, e il 64 per cento vi ripone fiducia. Ben il 41 per cento degli intervistati sostiene di aver trovato in un blog informazioni decisive per l'acquisto di un prodotto: a contare maggiormente sono le esperienze positive di chi ha già utilizzato il prodotto (l'80 per cento) e le descrizioni dettagliate del prodotto, (il 53 per cento). In generale, solo il 17 per cento dei blogger ha modificato il proprio atteggiamento rispetto al consumo dopo essere entrato nella blogosfera. E per il 36,5% degli intervistati, l'ingresso delle aziende in questo mondo è positivo, mentre solo il 17 per cento lo ritiene negativo perché i blog dovrebbero stare fuori dalle logiche di mercato.
Scrivi a proposito di questo articolo