ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Settembre 2006 - Assintel report

Una timida crescita per l'ICT


I servizi e i software sembrano lasciarsi alle spalle i momenti peggiori e sfruttare invece quella ripresa economica che sembra affacciarsi sui mercati internazionali. Ma i numeri non sono ancora esaltanti.


Basta una leggera ripresa per indicare un nuovo ciclo di crescita per l'IT? Sembra di sì, almeno per quanto si evince dall'Assintel Report sul mercato del software e dei servizi in Italia. La ricerca è stata condotta nel periodo aprile-giugno 2006 dalla società specializzata Nextvalue, per conto dell'Associazione Nazionale delle Imprese che operano nel settore dell'Information & Communication Technology. La base campione è stata di 500 aziende utenti, partendo da piccole imprese con meno di 50 dipendenti fino a quelle top con più di 500 dipendenti. L'indagine valuta la propensione e la priorità degli investimenti nelle diverse aree applicative, classificate per settore e tipologia, fornendo un quadro utile all'identificazione di strategie di posizionamento competitivo e di definizione dell'offerta. Il quadro che ne è uscito è di cauto ottimismo.

Il rapporto crescita/investimenti ICT

Il report lascia pochi dubbi: tutti gli analisti e i decision maker sono concordi nel considerare l'ICT il valore aggiunto della crescita, come acceleratore di sviluppo e come placet competitivo indispensabile. In un momento di ripresa, anche se timida, l'ICT non può restare fuori dalla crescita, e i numeri lo confermano:
un'analisi globale del mercato IT, conferma per il 2006 una moderata crescita (+1,5%) del settore, con un ritorno al segno positivo dei servizi IT (+0,6%) e del software (+2,6%). La spesa (circa 21 miliardi di euro) è ancora sotto, in valori assoluti, al livello del 2001 e del 2002, ma è superiore agli ultimi tre anni.

L'Italia ancora indietro

Se si confrontano i dati del 2006 con quelli del 2005, il trend sembra finalmente improntato alla crescita. Ma mentre l'Europa ha uno sviluppo del settore piuttosto sostenuto, l'Italia arranca ancora. Rispetto al 2005, l'Hardware cresce del 2,2%, confermando la linea degli ultimi tre anni. Il software si attesta a +2,6%, mentre i servizi IT raggiungono il segno più soltanto di uno 0,6%.
In Europa, però, software e servizi IT viaggiano ben sopra i livelli italiani: il primo settore cresce del 5,7%, il secondo del 5%. Quindi, il nostro Paese migliora rispetto agli ultimi anni (e già questo è un dato positivo), ma segna ancora il passo nei confronti del mercato europeo di riferimento.

I segmenti più forti

Il mercato che segna la crescita maggiore rispetto all'anno precedente è quello consumer, con un 8% che la dice lunga sulla voglia di ICT degli utenti privati. Molto buono, nel B2B, il segmento delle utility, che cresce del 4%, e dei media e Tlc, che segnano un +3,4%. Meno marcato ma interessante con il suo +2,6% il Commercio, la GDO e i servizi. In termini assoluti, anche se con crescite inferiori al punto percentuale sul 2005, rimangono ai primi posti le Banche e l'Industria.

Quali servizi cresceranno

Nel dettaglio, l'analisi compie anche una previsione di massima sull'andamento nell'anno dei vari gruppi di applicativi e di servizi. A crescere maggiormente saranno i software di Enterprise Content Management, Document Management e Business Process Management (+10,1%), ma anche i DBMS (DataBase Management System) e i Middleware (+4,3%), la Business Intelligence e l'Enterprise Performance Management (+3,6%). Tra i servizi, con valori nettamente inferiori, si segnaleranno comunque i comparti dell'Outsourcing (+1,1%) e dell'Application Management (+1,1%). Da una semplice lettura dei settori con le potenzialità più alte si evince facilmente che il rinnovamento dei software e dei servizi ICT passa attraverso una fase matura, orientata con decisione a strumenti per raggiungere un vantaggio competitivo sul mercato piuttosto che a posizionare l'impresa nell'ambito ICT. Ciò significa che le nostre imprese sono sufficientemente dotate della base d'informatizzazione necessaria, ma sono ancora molto carenti sul fronte degli applicativi e dei servizi evoluti, necessari per competere sul mercato globale.
Scrivi a proposito di questo articolo