ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Settembre 2007 - Browsermania

L'uso dei browser in Italia


La guerra dei browser è ormai una lotta tra Explorer e Firefox, con tutti gli altri destinati a ruoli molto marginali. Eppure non mancano informazioni interessanti e non scontate.


Una ricerca condotta la settimana scorsa da ShinyStat fotografa l'utilizzo dei browser nella rete italiana. Il monitoraggio ha riguardato 269.631 siti che hanno generato un campione complessivo di 29.400.883 visite.

Lotta a due

Internet Explorer e Firefox: sono loro i browser più utilizzati dagli utenti italiani, anche se le distanze sono ancora elevate. Alla famiglia di Explorer è infatti riconducibile il 79,13% delle visite nella Rete nostrana, mentre la famiglia Firefox (compreso il suo progenitore nella suite Mozilla, che comunque incide solo per lo 0,34%) sono accreditati di poco più del 17,70%. Il restante 3% di rilevazioni premiano: Safari per il 2,35% di visite, Opera per lo 0,55%, e quindi diversi altri programmi di navigazione ciascuno con percentuali sotto lo 0,25.

L'uso dei browser nel network italiano
   

Firefox avanza...

Il ruolo di Firefox nel panorama della rete italiana non è da trascurare. Infatti, nato dalle ceneri di Netscape 6, il progetto Mozilla ha partorito questo browser che è in grado di conquistare sempre più ampie fette di navigazione a danno di Explorer. Vale la pena ricordare che, ancora in anni recenti, Explorer aveva più dell'85 per cento del mercato mondiale, con punte vicine al 90 per cento. Firefox è ancora più diffuso in altri Paesi, ma tutte le stime condotte a livello globale lo accreditano di non più del 15 per cento di mercato: l'Italia quindi rimane sopra la media, sia pur di poco.

...Explorer 6 domina ancora

Il risultato più interessante, anche se non quello più sorprendente, però, è legato alla diffusione delle varie versioni di Explorer. Quasi una visita su due dell'intero totale, infatti, è appannaggio esclusivo di Internet Explorer 6.X che a distanza di sei anni dalla sua prima apparizione continua a confermarsi il browser numero 1. Con il 62,30 per cento surclassa il più moderno e avanzato fratellino Explorer 7, costretto a fermarsi a 36,79 per cento. Vale la pena segnalare infine che ancora 200 mila visite sono veicolate da Explorer 5.X, in grado di conquistare quindi lo 0,91 per cento della famiglia Microsoft.

La famiglia di Explorer in dettaglio
   

Le conseguenze

Gli sviluppatori Web non saranno contenti di questi dati, per quanto probabilmente se li aspettassero: se ancora oggi una visita su due è condotta con uno strumento largamente superato come Explorer 6, il loro lavoro non può certo puntare a clamorose innovazioni. Le difficoltà di Explorer 6.X sono legate soprattutto a due aspetti: il mancato supporto ad alcuni standard Web e W3C e i problemi di sicurezza, visto il suo rapporto strettissimo con il sistema operativo, accessibile dall'esterno anche solo attraverso una falla nel browser. Le cose sono migliorate, anche parecchio, con Explorer 7, che ha pure modificato l'interfaccia utente e alcune caratteristiche di navigazione basandosi sul successo dei suoi concorrenti Firefox e Opera (per esempio la navigazione a tab). Tuttavia, la diffusione di Explorer 7 è ancora ampiamente inferiore a quella del predecessore, e ciò rappresenta un ostacolo indubitabile per l'evoluzione della programmazione Web: una sua più rapida ascesa con il ricambio delle versioni precedenti apporterebbe sicuri benefici a tutta la comunità di sviluppo. E il dito va puntato contro gli utenti del Web che ancora dimostrano di non aver colto appieno l'importanza, per sé e per l'intero movimento, dell'aggiornamento degli strumenti di navigazione.

METODOLOGIA

Scrivi a proposito di questo articolo