ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Ottobre 2006 - Contenuti

TV e Internet, incontri e problemi


La nuova proposta di riassetto del sistema radiotelevisivo italiano allo studio del Governo impone riflessioni sulla banda larga e utilizzo del protocollo IP.


Aldilà delle polemiche politiche riguardanti la riforma del mercato televisivo, il nuovo governo ha puntato a due obiettivi forti: aprire il mercato e garantire maggiore pluralismo. Per raggiungerli, il ministro Gentiloni ritiene necessario superare le annose questioni della pubblicità e delle frequenze, e intervenire con un nuovo quadro di regole per il passaggio alla televisione digitale, in modo da normare il mercato sia per il digitale terrestre (DTT) sia per la banda larga.

Lo sviluppo indispensabile

Superare l'attuale stallo nel mercato televisivo implica un grande sviluppo tecnologico, almeno secondo le intenzioni del ministero delle Comunicazioni esplicitate nell'annunciata riforma del sistema televisivo. L'obiettivo di questa riforma è la moltiplicazione dell'offerta televisiva, condizione per il raggiungimento di un maggior pluralismo e una miglior qualità: grande apertura, quindi, alle innovazioni tecnologiche, a partire dal DTT per arrivare alla banda larga. Via libera anche alle cosiddette "media company", obiettivo dichiarato di aziende come Telecom e Fastweb che hanno già cominciato a muoversi in questa direzione. In futuro, insomma, non ci sarà più un mercato televisivo da controllare, ma un unico mercato dei contenuti, fruibili da più piattaforme e con strumenti interscambiabili.

La questione della piattaforma

La televisione del futuro proporrà al telespettatore una ricca scelta di canali tra i quali scegliere, ma sarà innanzitutto una competizione tra piattaforme di supporto diverse: l'analogico infatti sparirà definitivamente il 30 novembre 2012 (scadenza fissata per la conversione al digitale), per lasciare spazio al digitale terrestre, al digitale satellitare e alla banda larga. Da qui la necessità di arrivare ad una regolamentazione del settore per non ripetere gli errori del passato: Pay TV e canali Pay-per-view dovranno rispettare il limite del 20% per ogni gruppo di appartenenza, mentre i gruppi con più di due canali nazionali (Rai e Mediaset) hanno l'obbligo di trasferirne uno entro 15 mesi dall'approvazione definitiva della legge sul digitale terrestre (e/o sulle altre piattaforme digitali), mentre non potranno più effettuare trading delle frequenze per le reti digitali. Il diritto d'accesso all'infrastruttura a banda larga è stato disciplinato in modo da consentire a tutti i soggetti titolari di un'autorizzazione generale per servizi televisivi lineari di accedervi. In virtù di questa riforma, secondo il governo, si libereranno per la prima volta in Italia quantità significative di frequenze che potranno essere ridistribuite.

I problemi da risolvere

La maggior apertura all'innovazione tecnologica applicata al mercato televisivo pone anche altri problemi: uno strumento fondamentale per le televisioni, l'Auditel, rischia di essere obsoleto nella rilevazione degli indici d'ascolto. Spazio quindi alle rilevazioni effettuate da soggetti sia pubblici sia privati che potrebbero utilizzare, per esempio, la rilevazione del traffico IPTV, per arrivare a risultati più precisi ed affidabili. Novità si prospettano anche per la pubblicità: le tv che assumono una posizione dominante, ovvero i soggetti che occupano il 45% delle risorse, non saranno multate o sanzionate, ma dovranno ridurre l'affollamento orario della pubblicità, per consentire un reale effetto ridistributivo.

Banda larga: successo o ritardo?

Si è detto che l'utilizzo della banda larga è uno dei punti cardine della riforma televisiva, ma lo stato attuale del broadband in Italia desta qualche preoccupazione. Dopo anni di sbandierati successi nella penetrazione e nella diffusione della banda larga nel nostro Paese, ora si alza qualche voce istituzionale critica. Indubbiamente i passi in avanti sono stati notevoli negli ultimi cinque anni, ma la crescita del broadband è stata del tutto asimmetrica, con il risultato di creare due Italie divise tecnologicamente.

La preoccupazione europea

Durante la recente audizione al Senato, il commissario europeo per la società dell'informazione e dei media, Viviane Reding, è intervenuta molto duramente sull'argomento, definendo "inadeguato" il livello di copertura della banda larga nel nostro Paese. Secondo il commissario UE, la copertura della banda larga, ossia la superficie del paese in cui sono disponibili connessioni in banda larga, è pari all'87%, una percentuale molto più bassa della media dell'Unione Europea ed ovviamente inadeguata per lo sviluppo di applicazioni avanzate. Nonostante un miglioramento in termini di penetrazione della banda larga, con un tasso del 13,2%, l'Italia resta comunque sempre al di sotto della media dei quindici Stati membri nei quali il tasso medio di penetrazione è superiore al sedici per cento (16,6%).

Città e campagna

Addirittura, il territorio coperto da banda larga sarebbe inferiore rispetto a quello indicato, almeno secondo diverse associazioni di consumatori. Il problema è che a fronte di città mediamente ben servite e con ampia disponibilità di scelta tra vari provider, le zone provinciali sono state lasciate indietro, e solo alcuni, pochi, interventi pubblici sono riusciti parzialmente a coprire il gap con le aree urbane. La copertura nelle zone rurali è nettamente inferiore alla media (44% contro 65%), ma anche interi quartieri di grandi città come Roma, o Genova, sono impossibilitati ad attivare l'Adsl a causa della scarsità di doppini in centrale.

Investimenti scarsi

D'altronde, la percentuale degli investimenti connessi alle tecnologie per l'informazione e comunicazione sul totale della ricerca e sviluppo è solo leggermente inferiore alla media europea (25%), mentre gli investimenti complessivi in ricerca e sviluppo da parte delle imprese è meno della metà della media (0,3%). In questo settore meno investimenti in ricerca si trasformano quasi sempre in minor competitività. La riduzione degli investimenti privati nella ricerca è dunque particolarmente preoccupante, in quanto rischia di compromettere la solidità del settore e, nel lungo termine, la competitività italiana (ed europea) rispetto ad altre regioni del mondo. In una prospettiva di mercato unico e globale dell'entertainment, aldilà delle polemiche pro o contro Mediaset, l'Italia rischia di rimanere indietro sia sul versante dei contenuti sia su quello dello sviluppo delle piattaforme.
Scrivi a proposito di questo articolo