ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Ottobre 2006 - Professioni ICT

L'occupazione va


Il rapporto Federcomin su occupazione e professione nell'ICT segna un quadro positivo, e tratteggia le linee future dello sviluppo professionale. Un'occasione per i giovani del settore.


Nel settore ICT nascono nuove imprese più che in qualsiasi altro, sono in aumento le assunzioni, in particolare per competenze tecniche elevate, che rimangono comunque difficili da reperire, crescono i contratti a tempo indeterminato: è questo il panorama descritto dal Rapporto 2006 "Occupazione e professioni nell'Ict", realizzato da Federcomin, con la partecipazione delle associate AITech-Assinform e Asstel, e del Dipartimento per l'Innovazione e le tecnologie del Ministero per le Riforme e le Innovazione nella PA. Il rapporto presenta una fotografia della situazione attuale in Italia delle aziende ICT e lo stato dell'occupazione nel settore, sia presso le aziende fornitrici che presso le aziende utenti.

L'ICT avanza

Nel 2005 le imprese con addetti del settore ICT erano circa 112.000 e fornivano lavoro a 674.000 dipendenti. Tra gli elementi più interessanti, il fatto che nel comparto ICT nascono più imprese che in qualsiasi altro settore: +25,3% contro il 20,9% di Industria e Servizi. A fare da traino sono, in particolare, le ditte individuali, salite del 61,1% nel periodo dal 2001 al 2005. Sempre le microimprese, quelle sotto i 10 addetti, sostengono il mercato del lavoro nell'ICT: l'aumento è stato consistente, pari al 7,6% nel quinquennio. Prendendo in considerazione anche chi non è più dipendente di microimprese, il saldo rimane positivo a quota 3,4 per cento. Più in generale per il 2006 nel settore ICT si stimano 17.920 nuovi ingressi contro 16.150 uscite: le assunzioni più rilevanti saranno effettuate dalle società che spingono in innovazione di prodotto, di servizio o di organizzazione ed è interessante notare come la tipologia di contratto dichiarata dalle imprese di settore come la più diffusa, oltre la metà, sia a tempo indeterminato, cioè quella che fornisce le migliori garanzie al lavoratore.

Le aziende utenti

All'interno del tessuto economico nazionale è molto diffusa la presenza di figure professionali che, pur lavorando in altri settori (banche, industria), svolgono mansioni con forti competenze ICT. In totale, questi addetti sono passati da 1.197.000 unità nel 2001 a 1.181.000 unità nel 2005, con un leggero decremento (circa un punto percentuale). La flessibilità occupazionale è in continua crescita anche per gli occupati ICT delle aziende utenti. Secondo Federcomin, in una situazione di incertezza, com'è quella attuale, le aziende rispondono alle esigenze del mercato attraverso azioni di più breve periodo, che quindi premiano una maggiore flessibilità occupazionale.

E le competenze?

Uno degli aspetti critici evidenziati dal rapporto Federcomin, riguarda la domanda di professionalità da parte delle imprese, che cambia rapidamente al mutare del mercato. Se da un lato questa rappresenta una grande opportunità, dall'altro fa emergere una serie di problematicità: la nuova domanda, infatti, è di competenze, di creatività e di skills non sempre facilmente reperibili. Circa un quarto delle assunzioni previste nel settore dell'Ict (poco più di 4 mila unità) riguarda figure professionali difficili da trovare: la motivazione più frequente è quella della mancanza della qualificazione necessaria (nel 43% dei casi); in circa l'82% dei casi serve un periodo di formazione successivo all'assunzione. Nelle grandi imprese, dove la formazione è necessaria per la realizzazione di progetti più complessi, la percentuale sale fino al 95,3%.

Pronti al cambiamento professionale

La previsione per i prossimi cinque anni, stima che l'evoluzione tecnologica e dei modelli di business cambierà profondamente la richiesta di figure professionali nel settore ICT: queste dovranno essere sempre più orientate alla multidisciplinarietà, alla tecnologia ma anche alle competenze di processo e di settore. Queste complesse trasformazioni producono un approccio qualitativo piuttosto che quantitativo verso il mercato del lavoro e le risorse umane, con il ricorso da parte delle imprese a nuovi skill nonché a interventi mirati di formazione continua.

I comparti su cui puntare

Fino al 2010 si prevede un tasso di crescita medio annuo per gli occupati ICT di mezzo punto percentuale, che produrrà un saldo positivo di circa 11.000 nuovi addetti. Il comparto più dinamico, come crescita media nel quinquennio, sarà quello dei media (+0,7%). Il segmento più contenuto, ma comunque in crescita, (+0,2%) sarà quello dei servizi e apparati di telecomunicazioni.
I nuovi professionisti dell'ICT saranno all'incirca 17.500, a cui si aggiungeranno circa 3.800 professionisti delle linee di business, con una forte crescita di figure emergenti. Per fare qualche esempio, nell'information technology sarà ricercato l'IT architect (o solution architect), ovvero uno sviluppatore che abbia conoscenze sui micro-processi aziendali e che sia in grado di sviluppare in ambienti multipiattaforma e multivendor; nelle telecomunicazioni, i product manager, ovvero figure inserite nell'area marketing e responsabili di linee di offerta; nelle aziende dei media, cresceranno le figure impiegate nei servizi all'utenza grazie all'affermarsi di TV satellitare, TV digitale e mobile TV.
Scrivi a proposito di questo articolo