ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Internet Economy
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Internet Economy
A che ora ti connetti?
L'uso dei browser in Italia
Come è fatto il popolo dei blog?
Turismo online all'italiana
L'industria dell'ospitalità riparte dal Web
Europa lontana per i giovani italiani
Non perdere per strada il cliente
Sistemi sotto osservazione
L'It non cresce abbastanza
Le aziende europee perdono i dati
Decreto Bersani: novità per le TLC
Le aziende ancora in ritardo
Rivoluzione in atto
Le decisioni vanno di fretta
Un buon natale per l'e-shopping
L'occupazione va
TV e Internet, incontri e problemi
Una timida crescita per l'ICT
Cambiamenti nelle TLC?
Notizie sempre fresche
La mobilità paga
IT e TLC: l'Italia ancora in ritardo
In Italia il fenomeno non diminuisce
Europa in ritardo
Conoscenza, primo rimedio
Identità a rischio
Rapporto Assinform
I reati informatici spaventano le aziende
BroadBandPeople: all'Italia piace il digitale
Si scaldano i motori
2006 tra speranze e piccole certezze
Italia digitale: cresce la passione
BOOM all'italiana
Ripensare la pubblicità: la sfida parte da Internet
Campagne e-mail al bivio
Ancora ritardi e squilibri per l'Italia dell'ICT
L'ITC cresce lento, ma c'è fiducia per il futuro
Frodi in crescita con il phishing
Spyware, pericolo reale
RSS fa bene all'e-commerce
Nuovi e vecchi pericoli
(Quasi) tutti sul Web
Le ricerche d'acquisto passano dai motori
Professionista ICT, guadagni il giusto?
Banda larga: situazione e rischi futuri
Contenuti a pagamento
Le grandi aziende soffrono di visibilità sui motori di ricerca
Ripresa ICT all'orizzonte?
L'Italia sempre indietro
Soddisfazione e confusione per le ricerche
I danni delle e-mail spazzatura
Maggiore banda, maggiori acquisti
La pubblicità online non si ferma più
Un anno vissuto pericolosamente
La rivoluzione del telefono
È festa per l'e-commerce
Rapporto banda larga
L'Italia delle Città digitali
L'ICT italiano non si risveglia
La messaggistica istantanea si fa aziendale
Bene le transazioni, ma è allarme sicurezza
Attenti alla truffa
Lo spamming continua a imperversare
I numeri delle e-mail
L’uso dei motori
Arriva l’infocommerce
Le spese ICT ristagnano
Verso una società elettronica
Emergenza sicurezza
Gli americani sono soddisfatti
dell’e-commerce
L’Italia si è fermata
Dannoso per i clienti, dannoso per le aziende
L’ICT nelle imprese italiane
Pillole
Lo shopping è online
Un’ondata di banda larga
Pillole
Il rilancio in sei mosse
versione stampabile
Novembre 2006 - E-commerce

Un buon natale per l'e-shopping


Le previsioni indicano nel Natale 2006 un momento fondamentale per l'e-commerce rivolto ai consumatori. Oltre alle possibilità di fare affari, non bisogna trascurare il valore di grande vetrina di questo periodo.


Le stime sul prossimo trend di acquisti via Internet per le feste di Natale prospettano una grande crescita. Secondo la società specializzata eMarketer negli Stati Uniti gli acquisti via Internet produrranno un valore di oltre 24 miliardi di dollari, con un aumento del 22% sull'anno precedente. Altre ricerche sono meno ottimiste e pronosticano una crescita al massimo del 5% sui valori del 2005. I commercianti stessi, però, intervistati da Shop.org, sono molto ottimisti, con il 72% di essi che prevede una crescita superiore al 15% sulle vendite dell'anno prima e con un altro 21% che prevede addirittura un boom del 75%.

Quando l'e-shopping tira

È evidente che le festività natalizie rappresentino un momento propizio per le vendite consumer, siano esse fatte tramite e-commerce siano invece di tipo tradizionale. Ciò che non sempre si riesce a percepire, però, è il valore fondamentale di questo momento sull'anno. L'ultimo trimestre vale circa un terzo di tutte le vendite online dell'anno, e ultimo trimestre significa in gran parte acquisti per il natale. Infatti, il 20% circa dei consumatori inizia gli acquisti di Natale a ottobre e un altro terzo lo fa in novembre. Rimane poi poco meno della metà dei consumatori che corre in dicembre a comprare online. Ma non troppo tardi, per paura che le consegne non arrivino in tempo o che le scorte siano già finite. In assoluto, negli Stati Uniti il giorno più propizio per le vendite online nel 2005 è stato il 12 dicembre. C'è da credere che anche quest'anno il picco si avrà tra il 10 e il 15 di dicembre.

L'Italia non si discosta

La situazione non sembra dissimile nel nostro Paese, come testimonia una ricerca commissionata da eBay.it alla società Research International. In media la popolazione italiana spenderà circa 300 euro per fare i regali, vi dedicherà mediamente 6 giorni e inizierà la ricerca dei regali circa 19 giorni prima. Un terzo degli intervistati si dice pronto a fare acquisti online, lasciando intravedere anche in Italia delle possibilità di sensibile incremento sulle cifre dello scorso anno.

Una vetrina fondamentale

Ma aldilà del valore immediato del periodo natalizio per i propri conti, i commercianti online hanno una grande opportunità. In questo periodo, infatti, aumentano considerevolmente i contatti sui propri siti, indipendentemente dall'aumento delle vendite. Molta più gente cerca prodotti da acquistare e quindi la propensione a sperimentare le pagine Web è molto più alta. Ciò accade sia che la visita faccia parte di una perlustrazione che sarà finalizzata online sia che la ricerca non abbia uno scopo preciso. Per questo motivo è utile attrezzarsi al meglio per mostrare ai navigatori la propria professionalità, la propria linea di prodotti, la disponibilità in termine di servizi.
Scrivi a proposito di questo articolo