ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Marketing & Advertising
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Marketing
Analisi delle chiavi di ricerca: quante parole si usano?
David Weinberger e il marketing dal volto umano
Campagne marketing? Ora si fanno per regioni
Opportunità multimediali
Il ritorno del video advertising
Nuove opportunità per il marketing
Occasioni per caso
Verso uno standard per i banner
Pure Buzz: gestire il passaparola
Il brusio della conversazione
Come cambia il senso della pubblicità
L'analisi delle parole chiave
Pubblicità nei feed: una buona idea?
Una nuova strada per il marketing
Criteri di successo per blog aziendali
I banner non sono morti
L'era del marketing mordi e fuggi
La pubblicità sempre più sui motori
Dare credibilità ai contenuti
Calendarizzare un piano di e-mail marketing
Dal click all'action
Relazioni basate sulla conoscenza
Il ciclo di vita del cliente
Il marketing al ritmo del 2.0
Un boom da verificare
Valorizzare il comportamento emotivo
Pay per click: mai più sicuri?
Pubblicità in evoluzione
Spamming sui motori
Un occhio alla pubblicità
Pixel advertising: moda od opportunità?
Le relazioni di base
Dalla parte del cliente
Strumenti di dialogo integrati
Attenzione al cliente!
Tipi, convergenza, divergenza
Pagine di destinazione per l'e-mail marketing
La semplicità paga
Come realizzare landing page persuasive
Il giusto atterraggio nel sito
Le chiavi della ricerca
Il marketing diventa mobile
Advergame: tipi, obiettivi, metodi
La valutazione delle promozioni
Il gioco della pubblicità
L'importanza della squadra
Il nome di dominio come marchio d'impresa
Nome di dominio: le scelte di base
Conversioni: la misura del successo
Consigli per marketing estero
Campagne marketing sui motori stranieri
Quanto deve cambiare il sito?
L’importanza della fiducia
Segnali di vita dalla pubblicità online
Scrivere una marketing e-mail
Le strategie di promozione sui motori
Preparare un’e-mail commerciale
E-mail marketing
Froogle: un nuovo motore di ricerca per l’e-commerce
Il cliente ha sempre ragione
Comperare visibilità
Un blog per l’e-commerce?
Un sito per gli scontenti
E-commerce, la soddisfazione degli insoddisfatti
Promuovere i marchi nei newsgroup?
Un mercato in calo?
Utili anche alle imprese
versione stampabile
Maggio 2007 - Banner adv

Verso uno standard per i banner


L'ultimo report dell'EIAA conferma la tendenza in atto nel mercato della pubblicità online verso una standardizzazione dei banner: dimensioni e contenuto multimediale la fanno da protagonisti.


L'European Interactive Advertising Association o EIAA ha pubblicato il suo report riguardante l'andamento dei formati pubblicitari interattivi in Europa da giugno a dicembre 2006.
È confermato come il trend generale abbia ormai raggiunto un suo punto d'equilibrio, con i sei formati di banner più diffusi che mantengono l'85 per cento complessivo delle impression sul totale della pubblicità online monitorata, in linea con i risultati raggiunti lo scorso giugno (pubblicati a novembre).

Nuovi protagonisti

I sei banner principali sono presenti in 11 dei 15 Paesi europei presi in considerazione, e quasi il 70% del traffico è veicolato da due formati in particolare: il superbanner (dimensione 728x90) e il rettangolo medio o BAD - Big Ad Display (300x250). Questi due format, insomma, stanno ritagliandosi lo spazio maggiore ed egemonizzando il mercato dei banner. Entrambi sono oltre il 30 per cento del totale delle impression (35 il superbanner, 33 il rettangolo medio), confinando tutti gli altri formati al di sotto del 15%. Un risultato ancora più importante se valutato alla luce del traffico che generavano a giugno 2006, circa il 27 per cento per entrambi. Il loro punto di partenza, a gennaio 2004 era di circa il 10 per cento. In tre anni hanno più che triplicato la loro importanza nel veicolare la pubblicità online.

Abbandonare la tradizione

Il banner di tipo tradizionale (dimensione 468x60 pixel) si difende con un 13%, ma di fatto continua nel suo tracollo. In sei mesi ha perso quasi 8 punti percentuali (era vicino al 21%) confermando il declino. Nel 2004 rappresentava oltre la metà delle impression totali con il 56 per cento circa. Il suo futuro sembra segnato a un ruolo sempre più marginale.

I banner verticali

Una riflessione a parte meritano i banner verticali di tipo skyscraper (120X600) e skyscraper wide (160x600). Essi hanno avuto un andamento particolare negli ultimi tre anni. Lo skycraper continua a perdere: dal 10% del 2004 è passato a poco più del 6% di giugno 2006 e al 5 per cento di dicembre. La sua versione maggiorata, invece, skyscraper wide, era salito dal 12 per cento fino quasi al 16 per cento in due anni, ma negli ultimi sei mesi è tornato attorno all'11 per cento. Dopo aver sfruttato e occupato le posizioni del banner verticale tradizionale, l'interesse per questo formato sta rapidamente declinando, e non è improbabile che entro un paio d'anni i due siano di nuovo allineati, su valori percentuali di impression molto bassi.

La cenerentola avanza a piccoli passi

Il rettangolo semplice (180x150) è fermo a solo il 3 per cento del totale, appena sopra il risultato di giugno 2,6%, ma in costante progressione rispetto rispetto a due anni fa, quando non arrivava al 2%. Come fratello più piccolo del rettangolo medio, il suo futuro sembra seguirlo a scartamento ridotto: probabilmente continuerà a crescere fino a fermarsi ed attestarsi a un valore basso ma significativo, dove probabilmente sarà raggiunto, con un percorso inverso e decrescente, dal banner tradizionale e dai banner verticali.

La tendenza

Infatti, queste percentuali dimostrano chiaramente come sia in atto un vero e proprio tentativo di standardizzare il mercato dei banner sui formati di maggior successo: superbanner e rettangolo medio. Il primo è spinto dalla sua grande visibilità e dalla legge d'usabilità per cui maggiore è l'area cliccabile minore le difficoltà dell'utente ad accedere al link. Il secondo è trainato dalla possibilità di veicolare pubblicità "rich content media" ovvero in streaming audio/video, vera protagonista di questo periodo insieme - al suo opposto per ispirazione e tipologia - al contextual advertising.

Uno sguardo all'Italia

Nella situazione nazionale, la ricerca fa emergere come superbanner e rettangolo medio non solo siano radicati, ma stiano procedendo speditamente alla conquista dell'intero mercato. Il rettangolo medio è già al 46% del totale delle impression (la percentuale più elevata tra i Paesi europei, con un vero boom dal 27 per cento dei primi sei mesi del 2006), il superbanner al 39 per cento. Insieme sfiorano l'85 per cento. Resiste ancora, seppur marginalmente, il banner tradizionale con l'8 per cento, mentre gli altri formati hanno percentuali irrisorie.

Europa Italia
Superbanner
Rettangolo medio
Banner traditionale
Skyscraper
Skyscraper wide
Rettangolo semplice

Scrivi a proposito di questo articolo