ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Marketing & Advertising
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Marketing
Analisi delle chiavi di ricerca: quante parole si usano?
David Weinberger e il marketing dal volto umano
Campagne marketing? Ora si fanno per regioni
Opportunità multimediali
Il ritorno del video advertising
Nuove opportunità per il marketing
Occasioni per caso
Verso uno standard per i banner
Pure Buzz: gestire il passaparola
Il brusio della conversazione
Come cambia il senso della pubblicità
L'analisi delle parole chiave
Pubblicità nei feed: una buona idea?
Una nuova strada per il marketing
Criteri di successo per blog aziendali
I banner non sono morti
L'era del marketing mordi e fuggi
La pubblicità sempre più sui motori
Dare credibilità ai contenuti
Calendarizzare un piano di e-mail marketing
Dal click all'action
Relazioni basate sulla conoscenza
Il ciclo di vita del cliente
Il marketing al ritmo del 2.0
Un boom da verificare
Valorizzare il comportamento emotivo
Pay per click: mai più sicuri?
Pubblicità in evoluzione
Spamming sui motori
Un occhio alla pubblicità
Pixel advertising: moda od opportunità?
Le relazioni di base
Dalla parte del cliente
Strumenti di dialogo integrati
Attenzione al cliente!
Tipi, convergenza, divergenza
Pagine di destinazione per l'e-mail marketing
La semplicità paga
Come realizzare landing page persuasive
Il giusto atterraggio nel sito
Le chiavi della ricerca
Il marketing diventa mobile
Advergame: tipi, obiettivi, metodi
La valutazione delle promozioni
Il gioco della pubblicità
L'importanza della squadra
Il nome di dominio come marchio d'impresa
Nome di dominio: le scelte di base
Conversioni: la misura del successo
Consigli per marketing estero
Campagne marketing sui motori stranieri
Quanto deve cambiare il sito?
L’importanza della fiducia
Segnali di vita dalla pubblicità online
Scrivere una marketing e-mail
Le strategie di promozione sui motori
Preparare un’e-mail commerciale
E-mail marketing
Froogle: un nuovo motore di ricerca per l’e-commerce
Il cliente ha sempre ragione
Comperare visibilità
Un blog per l’e-commerce?
Un sito per gli scontenti
E-commerce, la soddisfazione degli insoddisfatti
Promuovere i marchi nei newsgroup?
Un mercato in calo?
Utili anche alle imprese
versione stampabile
Novembre 2007 - Motori

Analisi delle chiavi di ricerca: quante parole si usano?


Quasi un terzo dei navigatori non si accontenta di ricerche generiche nei motori, ma effettua richieste con stringhe di almeno tre parole. Un atteggiamento che può influenzare le scelte di marketing.


Quasi un terzo degli utenti usano i motori di ricerca con intenti specifici. Lo dicono i dati di una ricerca condotta nel mese di ottobre da Shinystat su un campione di oltre 40 mila account del proprio network. Le chiavi di ricerca prese in esame sono state 4.668.423. I dati, rigorosamente aggregati, che ne sono scaturiti spiegano che la maggioranza delle ricerche è condotta con stringhe composte da più parole: il 24,35 per cento con due parole, il 29,68 per cento con tre parole. Meno della metà, quindi, sono le ricerche di carattere genericamente informativo: solo il 42,51 per cento. Infine, le stringhe di ricerca con più di tre parole sono il 3,46 per cento.
   

Oltre le tre parole

Intanto, bisogna registrare una prima notazione tecnica: molti bot o spider scandagliano i motori di ricerca con frasi di quattro o cinque elementi o più. I bot (o robot) e gli spider sono piccoli programmi automatici che passano in rassegna la Rete al fine di catalogare determinate informazioni raccolte secondo parole chiave: il sistema è lo stesso utilizzato anche dagli stessi motori di ricerca. Tuttavia, gli spammer creano bot che si appoggiano ai motori di ricerca inserendo delle chiavi abbastanza dettagliate (e per questo tipicamente composte da 4 o 5 o anche 6 termini) per cercare informazioni, tipicamente indirizzi e-mail del sito. In Italiano, le ricerche dei bot andrebbero sui motori più usati per esempio con una chiave del tipo “contatti webmaster scrivi indirizzo mail”. E sebbene il fenomeno sia molto più marcato per le ricerche in inglese sui motori internazionali, è ragionevole pensare (non esistono dati su questo tipo di operazioni automatiche) che i bot scandaglino anche la Rete italiana e di conseguenza influenzino i dati per le stringhe di ricerca con più di tre parole. Il valore complessivo, comunque, è così tanto distante, almeno 20 punti percentuali dagli altri dati, da risultare non determinante.

Analisi numerica delle stringhe di ricerca

Chiarito questo punto, l'importanza dei dati rilevati da Shinystat sta nel comportamento degli utenti in fase di ricerca. Infatti, le stringhe composte da una sola parola denotano la volontà di cercare materiale di carattere molto generico e informativo in senso lato, poco dettagliato. Potrebbero essere considerate le prime ricerche su un determinato argomento: “statistiche” o “computer”. In alcuni casi, le ricerche a una parola possono rivolgersi a un certo marchio, per esempio “Shinystat” o “Dell”, ma ancora con una valenza piuttosto generale. Le due parole nella stringa di ricerca identificano un primo passaggio per restringere il campo: “statistiche Web” o “computer laptop”. Siamo ancora in un ambito molto generico. L'utilizzo di tre parole nelle stringhe di ricerca, invece, identifica chiaramente la volontà di andare a cercare proprio una certa cosa: non solo “statistiche Web” ma “statistiche Web geolocalizzazione” oppure, tornando ai computer, “computer laptop Dell”.

Il valore per le azioni di marketing

Quasi un terzo degli utenti fa ricorso a ricerche di tre termini (che sicuramente non sono effettuate da robot) e questo dimostra che lo strumento dei motori di ricerca è da utilizzarsi in chiave marketing in tutte le sue potenzialità, senza limitarsi al posizionamento o all'acquisto pubblicitario di parole chiave generiche. Chi deve andare ad acquisire spazi pubblicitari nei motori dovrà tenere conto del fatto che un terzo dei navigatori non si accontenta del termine generico, ma preferisce andare in cerca di un certo prodotto già specifico. Sarebbe molto utile, dunque, per chi si accinge a questo tipo di operazioni, andare a verificare nelle statistiche del proprio sito le stringhe di ricerca specifiche con cui gli utenti arrivano, in modo da capire ancora meglio come muoversi.

Posizionamento nei motori

Nelle ricerche di carattere generico (con stringhe a una o due parole) gli utenti probabilmente saranno predisposti a valutare i risultati non solo nella prima pagina, ma anche nella seconda o nella terza: stanno cercando informazioni ad ampio ventaglio sul termine inserito nella stringa. Invece, nelle ricerche a tre termini, quasi sicuramente si fermeranno alla prima pagina di risultati, proprio perché già la richiesta era dettagliata: si dovrebbero allora fare verifiche incrociate sul posizionamento nei motori, per ampliare il ventaglio di parole chiave e le loro combinazioni, andando a inserire nelle posizioni strategiche delle proprie pagine Web i termini più ricercabili, anche già molto dettagliati. Per comprendere quale sia la posizione del proprio sito su un certo motore in funzione delle diverse chiavi di ricerca e per paragonare i risultati sui diversi motori è possibile utilizzare degli strumenti di analisi specifici, che consentano di individuare anche “lo storico” di una chiave indicandone la posizione sui motori nel tempo, in modo da capire su quale chiave puntare.
Per es. attaverso la versione Business di Shinystat si può risalire alla posizione media raggiunta dal sito all'interno dei principali motori di ricerca in relazione a ciascuna chiave, con l;indicazione del range di posizione (1-10 o 20-30, corrispondenti rispettivamente alla prima o alla seconda pagina) oppure con l'indicazione della posizione media tenuta per una certa chiave su un certo motore, durante il mese in corso oppure nell'arco degli ultimi mesi.
Scrivi a proposito di questo articolo