ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Usability
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Usability
Nuovi standard si impongono
Obiettivi in linea
Potere alla parola
L'inventario dei contenuti
Quale linguaggio per il Web
Quale priorità per l'usability Web
Anche i blog vogliono cura
Fiutare i contenuti
Gestire gli ingressi "profondi"
Gestire le immagini nei siti di e-commerce
Migliorare i siti di commercio
La parola nell'home page
Come strutturare il sito
L'iceberg dell'architettura
Usability 2.0: abbandonare la tassonomia?
Trovare le informazioni
L'arte di registrare
Standard è meglio
Attributi del carattere
I tipi di carattere
Alleate e diverse
Font, il carattere di un sito
Il Web sta nel link
I problemi all'italiana
I dieci problemi 2005 targati Nielsen
CMS: vantaggi e svantaggi
L'ipertesto, chiave del Web
I flussi cambiano l'informazione?
L'importanza della prova
Flash: usabilità possibile
Flash: rivedere i giudizi?
Organizzare le informazioni
Nascosto nell'HTML
Superare le norme
Le parti in evidenza
Le norme dell'usability
Link chiari per destinazione e contenuto
I testi partono dalla titolazione
L'utilità del micro-contenuto
Sito accessibile? Sì, grazie
Grafica, contenuto, ma soprattutto struttura
Il formato delle immagini Web
Lo stile di un sito
L’uso dei colori nella comunicazione
Uso e combinazioni
Armonia ed equilibrio
Dare voce al Web
Sapere a chi si parla
Dove guardano le pupille?
L’occupazione dello spazio
Edificare il sito
Ciò che non deve mancare
L’importanza dell’accoglienza
versione stampabile
Marzo 2006 - Font (3)

Attributi del carattere


Scelta la famiglia di font da utilizzare una volta valutate le caratteristiche intrinseche e il tipo di messaggio da veicolare, rimangono da studiare le applicazioni dei vari attributi del carattere.


Dopo aver visto tutte le questioni generali rispetto alla scelta della famiglia di caratteri da utilizzare, e alcun dettaglio operativo, non rimane che approfondire il discorso andando a verificarne l'uso sul campo. Una volta stabilito il tipo di font, rimane infatti da decidere come utilizzare i vari attributi che si possono assegnare al carattere stesso.

Gli attributi

In termini generici, per attributi del carattere si intendono gli stili, il colore, la dimensione e tutti gli altri effetti possibili. In pratica, una volta scelto il font, lo si può declinare secondo varie caratteristiche particolari che devono essere associate a usi particolari. Tipicamente, in editoria si utilizza il corsivo per le parole straniere non entrate nell'uso comune, alcune volte per citazioni dirette e virgolettate, altre volte ancora per i titoli di altre pubblicazioni citate. Si tratta di una branca, importante, delle cosiddette norme editoriali o norme redazionali. Ogni editore, ogni collana di libri o giornale, stabilisce le proprie secondo criteri in parte assoluti e in parte derivati dall'uso, dall'abitudine e dal gusto dei responsabili interni.

Le questioni tecniche

Chiunque abbia un po' di praticità con HTML sa bene che per attributi si intendono veri e propri tag specifici che permettono di creare la formattazione in un certo modo o in un altro. Per esempio il tag <b> aperto e chiuso indica al suo interno il testo che deve essere reso in grassetto. Il tag <i> indica il corsivo, <strike> il testo barrato, e via di seguito. Inutile ripercorre le tappe di sviluppo tecnico di HTML fino all'XML. Basti sapere che, poiché gran parte dei tag erano poi personalizzabili dagli utenti finali semplicemente cambiando le impostazioni del browser, nella seconda metà degli anni Novanta si imposero sempre più da parte dei produttori di browser dei tag proprietari, che non potevano essere variati. In questo modo si cercava di rendere la visualizzazione delle pagine Web uguale alle intenzioni e alla realizzazione dell'autore. Tuttavia, la strada dei tag proprietari apriva nuovi dibattiti e si rendeva necessaria una soluzione diversa.

I fogli di stile

In teoria, il codice HTML serve a governare il contenuto di un sito, mandando in secondo piano gli aspetti formali. In pratica, però, spesso forma e contenuto vanno di pari passo e, nell'uso, l'importanza delle questioni formali si è rivelata pari o quasi a quella dei contenuti veicolati. Per questo motivo il W3C è arrivato a sancire una distinzione netta tra la logica del contenuto, governata dal linguaggio HTML, e l'aspetto formale. Per gestire quest'ultimo è stato definito un linguaggio a parte, il CSS o Cascading Style Sheet. Sono i fogli di stile, che raggruppano tutte le annotazioni relative all'aspetto delle pagine Web togliendole dall'HTML. In realtà, molti attributi sono rimasti validi e in uso anche nell'HTML (per esempio i gi�citati <b> e <i>), ma i fogli di stile hanno reso possibile la creazione di pagine Web pulite, in cui non ci fossero commistioni tra contenuto e aspetto formale. E questo non è un vezzo tecnico di secondo piano, se si pensa alla grandezza delle pagine Web o ai problemi di accessibilità per l'uso di browser vocali, per esempio. I fogli di stile interagiscono con l'HTML (e poi con XML) in maniera completa e tramite semplici comandi.

Le scelte di fondo

Le questioni tecniche, però, non devono distrarre dall'analisi dell'uso degli stili e degli altri attributi dei caratteri. In particolare e ancora una volta, bisogna ricordare come un aspetto fondamentale sia dato dalla coerenza interna. Quelle che per le case editrici sono le norme editoriali o redazionali, in piccolo possono essere riprodotte anche per l'estensore dei contenuti di un sito Web. Il grassetto, il corsivo o qualsiasi altro stile (come del resto la scelta di un colore per una certa parte di testo) rappresentano delle rotture, delle evidenze rispetto al corpo del testo normalmente impiegato. Quindi, attraverso questi stili si comunica al lettore un dettaglio (di tipo contenutistico) ulteriore: che un concetto è particolarmente rilevante (il grassetto, in genere) oppure che si tratta di una citazione (il corsivo, per esempio).

I colori

Nello stesso modo, l'uso di un colore diverso da quello utilizzato costantemente per il corpo del testo può indicare una differenza da cogliere al volo: se si sta creando un tutorial su qualche linguaggio di programmazione, il codice d'esempio può essere marcato e reso evidente attraverso l'uso del colore rosso o blu. L'importante è che si rispetti un criterio di coerenza interna, come detto. Se il codice è rosso, lo sarà sempre. Con gli stili e gli attributi possiamo rendere evidente qualsiasi tipo di contenuto: per un sito di e-commerce che effettua sconti particolari, il prezzo di listino può essere il nero normale, il prezzo scontato in rosso. E in rosso avremo, per tutto il sito, soltanto i prezzi scontati.

I livelli di lettura

Ogni volta che si esce dalle righe utilizzando uno stile o un colore particolare, diverso da quello base, si mette il lettore nelle condizioni di effettuare una lettura a un altro livello. Proprio come per il corpo del carattere. A un corpo più grande corrispondono di solito i titoli. E un lettore distratto e con poco tempo può effettuare una prima lettura soltanto su di essi. Allo stesso modo, nella lettura corrente, uno stile o colore diverso balzano fuori dal testo e colpiscono il lettore suggerendogli un percorso diverso. È evidente a questo punto che un uso indiscriminato di troppi stili o colori possa indurre il lettore nel caos più totale. Se servono a evidenziare dei passaggi o dei contenuti, bisogna stare attenti a non portare in evidenza tutto il testo, perché a questo punto si perderebbe appunto lo scopo semplicemente parificando tutto a un livello più alto di lettura.
Scrivi a proposito di questo articolo