ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Usability
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Usability
Nuovi standard si impongono
Obiettivi in linea
Potere alla parola
L'inventario dei contenuti
Quale linguaggio per il Web
Quale priorità per l'usability Web
Anche i blog vogliono cura
Fiutare i contenuti
Gestire gli ingressi "profondi"
Gestire le immagini nei siti di e-commerce
Migliorare i siti di commercio
La parola nell'home page
Come strutturare il sito
L'iceberg dell'architettura
Usability 2.0: abbandonare la tassonomia?
Trovare le informazioni
L'arte di registrare
Standard è meglio
Attributi del carattere
I tipi di carattere
Alleate e diverse
Font, il carattere di un sito
Il Web sta nel link
I problemi all'italiana
I dieci problemi 2005 targati Nielsen
CMS: vantaggi e svantaggi
L'ipertesto, chiave del Web
I flussi cambiano l'informazione?
L'importanza della prova
Flash: usabilità possibile
Flash: rivedere i giudizi?
Organizzare le informazioni
Nascosto nell'HTML
Superare le norme
Le parti in evidenza
Le norme dell'usability
Link chiari per destinazione e contenuto
I testi partono dalla titolazione
L'utilità del micro-contenuto
Sito accessibile? Sì, grazie
Grafica, contenuto, ma soprattutto struttura
Il formato delle immagini Web
Lo stile di un sito
L’uso dei colori nella comunicazione
Uso e combinazioni
Armonia ed equilibrio
Dare voce al Web
Sapere a chi si parla
Dove guardano le pupille?
L’occupazione dello spazio
Edificare il sito
Ciò che non deve mancare
L’importanza dell’accoglienza
versione stampabile
Novembre 2006 - E-business usability

Gestire le immagini nei siti di e-commerce


Nei siti che intendono vendere online, l'immagine vale più di mille parole: per questo bisogna valutare attentamente la più corretta usabilità della parte iconografica delle proprie pagine.


La pubblicità tradizionale ce lo ha insegnato bene: un'immagine vende più di mille parole. Un precetto che anche su Internet ha la sua rilevanza. È valido soprattutto nei casi di prodotti, ma non andrebbe trascurato neppure nei siti di vendita di servizi. Questione di tempo (a volte si guarda per pochi minuti), di memoria fotografica (si verifica se esiste il prodotto che si è visto di corsa in un negozio per strada e che ha colpito particolarmente), ma anche di estetica (l'immagine può essere bella o brutta, di rado lo è la parola) e di praticità (più visibile una fotografia o una frase?). Eppure, troppo spesso, le immagini sono utilizzate poco e/o male nei siti di e-commerce. Con poche semplici regole, invece, si possono già ottimizzare.

Perché le immagini

In tanti articoli e studi sull'usabilità - compresi alcuni nostri - si raccomanda di non enfatizzare la grafica a scapito del contenuto. Bisogna trovare il giusto rapporto, e questa regola rimane valida e immutata anche considerando l'importanza delle immagini nei siti di e-commerce. Ma il giusto equilibrio non significa tralasciare le immagini, così come la semplicità invocata tante volte e l'essenzialità di siti-guida come Google o Yahoo! non deve essere confusa con un rifiuto a priori dell'uso delle fotografie e delle immagini. Bisogna saper interpretare la finalità del proprio sito e applicare i principi di usability in maniera flessibile e opportuna. In un sito che vende telefoni cellulari sarebbe molto stupido inserire solo il nome del modello e la descrizione tecnica senza dare un'immagine del prodotto. Ciò è vero in tutti i casi in cui il design giochi un ruolo importante, ma spesso anche per prodotti apparentemente slegati da ragionamenti estetici può avere la sua importanza.

Il rapporto con il testo

Così come è sconsigliato il testo senza le immagini, è bene ricordare che ancora più inutile sarebbe inserire immagini senza testo. La spiegazione di un'immagine, con il corredo dei dati tecnici e di una breve descrizione, è fondamentale. Alcuni particolari sono difficilmente ricavabili dalle fotografie, per esempio le misure degli oggetti, soprattutto se nell'immagine sono privi di un riscontro noto. Sono invece inutili le didascalie di tipo genericamente descrittivo, molto apprezzate quelle concise, tecniche e chiare, che forniscono informazioni supplementari.

Grandezze e disposizioni

È ovvio che se per ogni prodotto avremo un'immagine e una breve descrizione, un sito che abbia anche solo poche decine di oggetti in vendita rischia di saturare lo spazio dell'home page o di qualsiasi altra pagina dedicata ai prodotti. Per questo è importante categorizzare i prodotti e poterli presentare raggruppati per voci in un apposito menu. In questo caso, però non devono mancare la possibilità di ricerca libera (per nome del modello, tipologia o qualsiasi altro elemento di riconoscimento importante per l'utente) e almeno una foto per categoria, in modo da rendere evidente subito quale tipo di modelli siano raccolti nella categoria rappresentata. È poi del tutto inutile presentare immagini di non più di un centimetro per uno per ogni prodotto. Ogni modello deve avere il giusto spazio di descrizione, e se necessario dedicargli una pagina intera - che avrà il vantaggio anche di essere più visibile nei motori di ricerca.

I cataloghi online

Parlando di immagini di prodotti, non si può non pensare ai cataloghi aziendali e a come riprodurli online nel modo più opportuno. Prima di tutto è bene chiarire che portare online il catalogo cartaceo - magari semplicemente utilizzando il formato digitale preparato per la stampa - non è una grande idea. Se si ricorre a questa soluzione per una questione di praticità, si può a buon diritto pensare a una versione scaricabile del catalogo in .PDF, magari avendo cura di specificare che si tratta della stessa versione cartacea. Accanto a questa soluzione statica (non è possibile aggiornarla in corsa, prima della nuova versione definitiva del catalogo), bisogna però predisporre un'apposita versione per la navigazione, con pulsanti avanti e indietro, link ipertestuali, zoom per ingrandire e rimpicciolire le immagini e così via.
Scrivi a proposito di questo articolo