ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business Usability
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
Usability
Nuovi standard si impongono
Obiettivi in linea
Potere alla parola
L'inventario dei contenuti
Quale linguaggio per il Web
Quale priorità per l'usability Web
Anche i blog vogliono cura
Fiutare i contenuti
Gestire gli ingressi "profondi"
Gestire le immagini nei siti di e-commerce
Migliorare i siti di commercio
La parola nell'home page
Come strutturare il sito
L'iceberg dell'architettura
Usability 2.0: abbandonare la tassonomia?
Trovare le informazioni
L'arte di registrare
Standard è meglio
Attributi del carattere
I tipi di carattere
Alleate e diverse
Font, il carattere di un sito
Il Web sta nel link
I problemi all'italiana
I dieci problemi 2005 targati Nielsen
CMS: vantaggi e svantaggi
L'ipertesto, chiave del Web
I flussi cambiano l'informazione?
L'importanza della prova
Flash: usabilità possibile
Flash: rivedere i giudizi?
Organizzare le informazioni
Nascosto nell'HTML
Superare le norme
Le parti in evidenza
Le norme dell'usability
Link chiari per destinazione e contenuto
I testi partono dalla titolazione
L'utilità del micro-contenuto
Sito accessibile? Sì, grazie
Grafica, contenuto, ma soprattutto struttura
Il formato delle immagini Web
Lo stile di un sito
L’uso dei colori nella comunicazione
Uso e combinazioni
Armonia ed equilibrio
Dare voce al Web
Sapere a chi si parla
Dove guardano le pupille?
L’occupazione dello spazio
Edificare il sito
Ciò che non deve mancare
L’importanza dell’accoglienza
versione stampabile
Dicembre 2003 - Home page (1)

L’importanza dell’accoglienza


Elemento fondamentale per attirare e trattenere i navigatori, la struttura dell’home page pu�e deve variare da sito a sito in funzione di ci�che si offre, ma alcune considerazioni di massima valgono per tutti.


L'home page �molto pi del biglietto di presentazione del proprio sito, �il primo luogo nel quale i navigatori normalmente arrivano e sulla base del quale decidono se fermarsi e proseguire oppure se andare altrove.
Secondo Jacob Nielsen la scelta avviene in soli dieci secondi e questo sarebbe dunque il tempo necessario a un visitatore per fare la propria scelta.
L'esperienza ci dice che in realt�i navigatori sostano un po’ più a lungo sulla home di un sito, circa mezzo minuto, prima di decidere. I primi secondi, comunque, rimangono di fondamentale importanza per impressionare l’utente. Se in quell’arco di tempo iniziale il navigatore riesce a orientarsi e sentirsi a casa, probabilmente sarà invogliato a rimanere. Nel caso contrario, magari finirà di vedere la pagina con calma, ma la prima impressione di disorientamento avrà fatto colpo negativamente e lo indurrà a lasciare il sito. Bisogna riuscire a convincere l’utente molto velocemente. Il problema è dunque come strutturare la propria home page in modo efficace. La questione è complessa e conviene fuggire da chi tenta semplificazioni inadatte al Web reale. Si può definirla partendo da qualche negazione. Gli errori pi comuni nell’impostazione generale della pagina iniziale sono di due tipi: realizzare pagine inutili oppure pagine ridondanti. Spesso poi i due errori coincidono.

Pagine inutili

Nella prima categoria devono rientrare tutte le home page cosiddette di benvenuto. Ci sono in Rete un’infinit�di pagine iniziali vuote, nelle quali campeggiano soltanto un logo e un welcome, a volte abbelliti da qualche trovata grafica. Aldilà del narcisismo dei webmaster, queste pagine non hanno alcuna funzione né sono sintomo di cordialit�o educazione. Una persona che sta navigando non valuta il bon ton di un sito da questo, ma da altre caratteristiche, per esempio non fargli perdere tempo. Questo tipo di pagine sono perlopiù innocue, qualora si tratti di semplici pagine Html di benvenuto, velocemente caricabili e altrettanto velocemente lasciabili; non fanno decidere all’utente se proseguire o meno nella navigazione interna, il compito è semplicemente rimandato alla seconda pagina visitabile. Possono però essere dannose quando sono realizzate con grande dispendio di animazione o di altri elementi grafici. Un esempio classico sono le intro in Flash, dai tempi di caricamento lunghissimi (la banda larga copre ancora poco pi del 10% degli utenti Web italiani), e raramente di qualche utilit�(se proprio non vi si vuole rinunciare, si ricordi almeno di inserire un comodo tasto di Skip intro). Se devo attendere 50/60 secondi il caricamento della pagina, probabilmente arrivato ai 25 secondi di attesa comincerò a chiedermi perché sostare lì – non vedo niente – e al quarantesimo secondo avrò già digitato un nuovo Url o premuto il tasto Back.
Spesso si ricorre a questo tipo di pagine per dare un accesso alternativo alla versione italiana o a quella inglese del sito, ma la sostanza non cambia. Se la società è italiana e si rivolge in prevalenza a un pubblico italiano non si capisce questa utilità. Meglio sarebbe dare accesso diretto a una home page completa in italiano con un vistoso richiamo alla possibilità di accedere alla versione inglese.

Pagine ridondanti

Creare una home page ridondante è sicuramente la scelta peggiore che si possa fare. Pessime home page sovrabbondanti si trovano con facilità. Non è il caso di infierire con esempi.
La logica che spinge a una scelta di questo tipo sottintende una conoscenza molto approssimativa della Rete e dei suoi utenti: più informazioni e notizie si mettono, più ricca è la home page maggiori sono le possibilità che i navigatori rimangano sul sito. Sbagliato.
L’equazione giusta è: più informazioni e notizie si mettono, più confusa è la home maggiori sono le possibilità che l’utente, disorientato, se ne vada subito (o meglio entro 60 secondi, cioè quando ha compreso che in tutta quell’abbondanza impiegherà minuti e minuti a trovare ciò che gli serve). Aldilà di casi eclatanti, certamente non è facile capire quando si è ‘abbondato’ con le informazioni, anche perché la valutazione può cambiare molto in base al tipo di sito e alla sua attività, e anche alla popolarità stessa del servizio online (più un servizio è conosciuto, più la home page diventa una pagina di lavoro a tutti gli effetti e non pi un centro di smistamento come normalmente dovrebbe essere).
Per siti di media notorietà una prima spia pu�arrivare dai tempi di permanenza in home page degli utenti. Se in media i navigatori sostano per più di un minuto, deve suonare un campanello di allarme. Se la fermata supera il minuto e mezzo e tende ai due minuti, probabilmente l'utente è interessato ai contenuti, ma fatica a trovarli.
Un’altra valida spia è data dai movimenti dell'utente nel sito. Un continuo andirivieni dalla home page a pagine interne differenti pu�significare che il navigatore procede per tentativi nella ricerca di ciò che gli occorre.
In tutti questi casi, è necessario razionalizzare il contenuto, semplificare la comprensione, migliorare la home page.
Scrivi a proposito di questo articolo